YouTube advertising: quanto costa e come fare pubblicità su YouTube - Nextre Digital

YouTube advertising: quanto costa e come fare pubblicità su YouTube

Sei stanco di vedere apparire gli annunci sponsorizzati dei tuoi concorrenti ogni volta che vuoi guardare un video e hai deciso anche tu di investire nella pubblicità su YouTube?

Hai investito tempo e risorse per la creazione dei tuoi video aziendali e di prodotto ma non ottieni risultati?

Ti capiamo, riceviamo tante recriminazione di questo tipo dagli utenti che non ottengono risultati sulla piattaforma video di Google.

Con un miliardo di ore di contenuti visualizzati al giorno, YouTube è uno dei social che sta avendo più successo.

Non c’è da stupirsi del fatto che tutti vogliano fare pubblicità su YouTube.

YouTube è il secondo sito web più popolare al mondo. Le statistiche parlano chiaro, ha 2 miliardi di utenti attivi in tutto il mondo che consumano contenuti per più di un miliardo di ore ogni giorno.

Inoltre, durante il periodo del lockdown molte più persone si sono rivolte ai video per sostituire altre attività che prima facevano nella vita reale. Questo ha diffuso ancora di più l’abitudine e la consuetudine di fare ricerche online affidandosi soprattutto ai contenuti video. Tanto che il 90% dei clienti scopre marchi e prodotti proprio navigando su YouTube.

Ecco perché, oltre a promuoversi su Google, la pubblicità su YouTube può essere un notevole aiuto per te e per la crescita del tuo business.

Promuoversi attraverso questa piattaforma dedicata ai video è molto diverso rispetto a gestire campagne PPC su Google Search. Dietro a questa attività ci sono logiche specifiche, esistono vincoli creativi e bisogna conoscere le modalità per poter creare e veicolare gli annunci con successo.

In questo articolo troverai le informazioni di cui hai bisogno riguardo alle varie tipologie di annuncio, i consigli per fare pubblicità su YouTube in modo corretto e una panoramica dei costi.

Sei pronto a differenziare la tua pubblicità sui social per renderla più incisiva ed efficace?

L’ostacolo è uno solo: come fare YouTube advertising in modo ottimale?

Vieni con noi alla scoperta dell’advertising sulla piattaforma per la fruizione video più famosa del mondo.

Se sai già come funziona la pubblicità su YouTube, quanto costa ecc… e vuoi ricevere maggiori informazioni sul nostro servizio, compila il form che trovi in questa pagina.

Le diverse tipologie di annuncio su YouTube

YouTube è una bellissima piattaforma ma per riuscire a sfruttare la sua potenzialità per il tuo business devi prima avere un’idea più chiara di quello che ti offre.

Devi sapere che la gestione degli annunci su YouTube è affidata a Google Ads, forse conosci già questa piattaforma perché ti è capitato di chiedere una consulenza Google Adwords per promuovere il tuo brand. Negli ultimi anni, Google ha implementato una serie di modifiche che hanno reso la pubblicità su YouTube un investimento da non sottovalutare. Anzi, addirittura estremamente utile per dare una spinta alle aziende che scelgono di rinnovare il proprio modo di comunicare ed entrare in relazione con i clienti.

In ogni caso, la procedura non è esattamente la stessa delle campagne su Google, in più, l’importanza del formato diventa determinante per il successo e l’efficacia della tua campagna.

Questo cosa significa?

Vuol dire che per fare YouTube Advertising devi scegliere tra varie tipologie di annunci ciascuna delle quali è maggiormente adatta per raggiungere obiettivi differenti.

Ma diamo un’occhiata a tutte le possibilità a tua disposizione e approfondiamo ogni tipo di annuncio nei paragrafi di seguito.

Annunci video ignorabili

Annunci Video Ignorabili YouTube

La prima tipologia di pubblicità che vogliamo mostrarti è quella degli annunci video ignorabili.

Ok, ora campiamo quali sono.

Hai presente quando vai su YouTube e clicchi sul video che vuoi vedere ma, prima che inizi, viene riprodotta una pubblicità che puoi anche saltare dopo i primi 5 secondi?  Benissimo, quello è un esempio di annuncio in-stream ignorabile.

Sono noti anche come pre-roll o mid-roll perché si possono trovare in mezzo allo svolgersi del video, soprattutto quelli di lunga durata. In un certo senso assomigliano alla pubblicità in tv perché interrompono la visione di quello che l’utente sta guardando.

Il tuo annuncio video ignorabile deve avere una durata di minimo 12 secondi e massimo 6 minuti, anche se il consiglio è di non superare i 3 minuti. Come inserzionista ti troverai a pagare solo quando gli spettatori sceglieranno di loro volontà di continuare a guardare l’annuncio per almeno 30 secondi, fino alla fine del video o se l’utente fa click sull’invito all’azione.

Il formato con cui devono essere caricati è l’MP4 e uno dei principali vantaggi è che possono essere visualizzati su qualsiasi piattaforma: desktop, mobile, TV e persino console di gioco.

Lo svantaggio è che sono appunto “ignorabili” ma il trucco è riuscire ad attirare l’attenzione dell’utente in quei primi 5 secondi.

Passiamo al prossimo.

Annunci video non ignorabili

Annunci video non ignorabili YouTube

La seconda tipologia di annunci che ti mostriamo sono quelli video non ignorabili. La differenza rispetto ai precedenti si nasconde nel nome “non ignorabili”.

Siccome i dati registrano che ci sono molte persone che saltano gli annunci in-stream dopo i primi 5 secondi obbligatori, alcuni inserzionisti scelgono di pubblicare pubblicità pre-roll o mid-roll che non si possono saltare.

Perché dovresti scegliere questo tipo di pubblicità più invasiva?

Tutto dipende sempre dall’argomento, da ciò di cui ti occupi e dalla strategia. Se miri ad ampliare la notorietà del tuo marchio perché magari tratti un tema di sensibilizzazione e desideri diffondere il tuo messaggio, gli annunci in-stream non ignorabili potrebbero essere la scelta giusta per te.

Questo, però, non significa che la tua pubblicità non debba essere fortemente attrattiva, altrimenti le persone non presteranno attenzione nemmeno se sono obbligate a guardare.

In ogni caso, considera che gli annunci così invadenti tendono a non essere troppo apprezzati. Ormai funziona maggiormente un tipo di pubblicità che invita l’utente ad interessarsi e gli lascia la libertà di scegliere.

Ma come abbiamo detto prima, tutto dipende dai tuoi obiettivi, dall’argomento e dalla strategia.

Fanno parte delle Ads non ignorabili anche gli annunci bumper, la loro caratteristica è la breve durata di massimo 6 secondi. Devono avere un messaggio immediato e incisivo che sia capace di attirare subito l’attenzione e risultare comprensibile.

Annunci Bumper su YouTube

Ancora un paio di informazioni: questi annunci vengono pagati dagli inserzionisti “per impressione”, cioè ogni 1.000 visualizzazioni.

Andiamo alla prossima tipologia di YouTube Advertising.

Annunci video discovery

Arriviamo al terzo tipo di annunci della nostra lista e ti presentiamo i discovery. Vengono visualizzati nella home page di YouTube, nelle pagine dei risultati di ricerca o appaiono tra i video correlati.

A differenza di quelli in-stream, che assomigliano più ad uno spot televisivo, gli annunci discovery sono simili a quelli che si vedono nelle pagine di Google. I discovery sono costituiti da un’immagine in miniatura del video e qualche riga di testo, possono variare per dimensioni effettive e in base a dove vengono pubblicati.

Gli utenti che fanno la propria ricerca possono trovare il tuo annuncio sponsorizzato tra i risultati organici e, se è pertinente con quello che cercavano, potrebbero scegliere di cliccare. A quel punto verranno ri-indirizzati dove preferisci, alla tua pagina video o al tuo canale YouTube.

Questi annunci sono una tipologia di TrueView, come quelli in-stream ignorabili, perché le persone possono e devono scegliere attivamente di guardarli. Infatti, soprattutto per i discovery, gli utenti devono clicca per far partire la riproduzione del video.

Nel prossimo paragrafo vediamo, invece, due tipologie di annunci che non prevedono un video.

Annunci non video

Anche se YouTube è la piattaforma dei video, se vuoi fare pubblicità ti permette di scegliere anche tra annunci non video.

Stiamo parlando di: annunci display e annunci overlay.

Iniziamo con gli annunci display, compaiono nella barra laterale di destra, includono un’immagine o una breve animazione (massimo 30 secondi) e un testo di poche righe. Hanno sempre una cta che contiene un link che porta verso un sito web e che invita l’utente a cliccare.

Annunci Display su YouTube

La dimensione massima consentita è di 150 KB e i formati supportati sono GIF, JPG, PNG e HTML5. La posizione dei display è privilegiata perché non interferisce con la fruizione del video da parte dell’utente.

Gli annunci overlay sono dei banner che appaiono fluttuanti nella parte inferiore dei video. Potrebbero essere delle perfette pubblicità correlate a degli annunci in-stream perché potrebbero completare la tua comunicazione.

Anche in questo caso si tratta di immagini cliccabili che portano l’utente altrove. Dimensione massima di 150 KB e formati supportati GIF, PNG e JPG.

Sono degli annunci efficaci perché, nonostante la staticità, catturano l’attenzione dell’utente che non si sente particolarmente infastidito perché non impediscono la visione del video.

Bene, ti abbiamo presentato le tipologie di contenuti tra cui scegliere per potenziare la tua strategia di comunicazione. Adesso facciamo un altro passo avanti e vediamo come fare YouTube Advertising.

Come fare la pubblicità su YouTube? 

Se hai creato un video o hai deciso di promuovere i tuoi prodotti o servizi su YouTube è arrivato il momento di iniziare con l’advertising.

La domanda ora è: da dove si parte?

Innanzitutto, ricordiamo che la piattaforma per fare operativamente pubblicità su YouTube è Google Ads, quindi bisogna fare l’iscrizione seguendo la procedura. Dopo aver fatto l’accesso per la prima volta, vai alla tua nuovissima dashboard e poi fai clic sul pulsante “+ Campagna”.

Da questo momento in poi sarà necessario scegliere tra diverse opzioni che portano, alla fine del processo, a dare il via alla tua pubblicità.

Qui di seguito troverai alcuni consigli che ti aiuteranno a creare delle campagne video di successo.

Selezione dell’obiettivo

La prima cosa da fare quando ci si trova a creare una nuova campagna pubblicitaria è scegliere l’obiettivo.

Ecco perché ripetiamo molte volte che è importante avere in mente il proprio obiettivo, altrimenti sarai già bloccato al primo step.

Come scegliere a cosa puntare? Dipende da ciò che vuoi ottenere e dal perché hai deciso di fare quella pubblicità. Per esempio, potresti voler aumentare la notorietà del tuo marchio, oppure promuovere un’offerta o desiderare più traffico verso il tuo sito web o e-commerce.

Tra gli obiettivi tra cui scegliere troverai:

  • Vendita;
  • Acquisizione clienti o lead;
  • Traffico al sito web;
  • Brand awareness;
  • Considerazione al prodotto o servizio;
  • Promozione del negozio offline.

Dopo aver scelto l’obiettivo avviene subito il passaggio allo step successivo.

Scelta del tipo di annuncio

Lo step numero due è quello di decidere il tipo di annuncio che desideri creare.

Si tratta di un video o di un altro tipo di pubblicità? Nel primo caso inizia a selezionare l’opzione “Video”, dopodiché dovrai decidere tra le tipologie che abbiamo visto prima.

Ricordiamo che gli annunci video sono: in-stream ignorabili e non ignorabili, bumper (cioè non ignorabili ma di brevissima durata), TrueView video discovery.

Gli annunci non video sono: display o overlay.

Annunci in Overlay su YouTube

Tra le opzioni trovi anche le Ad sequence con cui puoi raccontare una storia mostrando delle pubblicità in sequenza scegliendo una sola tipologia degli annunci già visti o un mix.

Inoltre, è importante dare un nome alla campagna in modo che sia riconoscibile in mezzo alle altre così potrà essere individuata e gestita facilmente e senza errori.

Passiamo al prossimo step.

Definizione dei parametri della campagna

Arriviamo alla definizione di tutti i parametri di campagna, importantissimi per dare effettivamente una forma e una direzione alla tua pubblicità.

Quindi, bisogna selezionare la strategia che si desidera mettere in atto: vuoi conversioni, click, impressioni, visualizzazioni? Tieni presente che anche la grafica o il video che si va a sponsorizzare deve essere in linea con il tuo obiettivo.

Dopodiché, è necessario scegliere e inserire il budget che sei disposto a investire e anche per quanto tempo hai intenzione di far durare la tua campagna.

Altre scelte da prendere solo rispetto al Paese, alla posizione e alla lingua. Tutti questi dettagli servono per riuscire a creare pubblicità il più possibile mirate che ti portino ad ottenere il massimo dal tuo investimento.

Ecco perché dicevamo che ci sono logiche ben precise da seguire e strategie specifiche da definire per fare YouTube Advertising.

Dopo tutto questo le scelte non sono ancora finite, passiamo quindi al prossimo punto.

Definizione del pubblico

Per fare arrivare la tua pubblicità alle persone giuste, ovvero quelle che sono potenzialmente interessante alla tua comunicazione, devi definire il tuo pubblico di destinazione.

Vuol dire che devi identificare l’età e il sesso, se sono studenti o lavoratori, se sono proprietari di case o di macchine, se sono genitori oppure no, quali interessi hanno e così via.

Pensa bene alle caratteristiche che definiscono gli utenti a cui ti vuoi rivolgere. Più informazioni hai sul tuo cliente-tipo e più sarà possibile indirizzare la tua campagna verso le persone a cui potrebbe interessare la tua offerta o il tuo brand.

Tieni presente che per ottenere il maggior ritorno possibile devi fare in modo che la tua pubblicità venga vista dalle persone che potrebbero avere un interesse nel messaggio che veicoli. Altrimenti potrebbe anche essere una bellissima pubblicità ma senza ottenere riscontri.

Quindi, a proposito di messaggi interessanti.

Coinvolgimento degli spettatori con contenuti rilevanti

Non limitarti a mostrare i tuoi prodotti.

Crea delle pubblicità che raccontino una storia, che siano interessanti e in grado di attirare l’attenzione dei tuoi potenziali clienti. Cerca di differenziarti il più possibile dalla concorrenza per essere riconosciuto e ricordato, per emergere rispetto agli altri.

Il successo del tuo annuncio dipende da come si connette con le persone. Ecco qualche consiglio anche su come si creano annunci efficaci:

  • L’aggancio deve essere forte: ci deve essere un elemento molto attrattivo, sorprendente, che suscita emozione o suspence;
  • Mostra il tuo marchio: deve essere visibile proprio per fare in modo che gli utenti associno quello che vedono alla tua azienda;
  • Veicola i tuoi valori: il pubblico sente risuonare il proprio interesse verso marchi da cui si sentono rappresentati;
  • Indica alle persone che cosa fare dopo: non lasciare che il tuo video finisca o che il tuo banner pubblicitario risulti fine a sé stesso senza che succeda ancora qualcosa.

Questo ultimo punto lo spieghiamo meglio nel prossimo paragrafo.

Impostazione di una CTA incalzante

In un annuncio pubblicitario non deve mai mancare la CTA, ovvero l’invito all’azione (dall’inglese Call To Action).

Gli inviti all’azione che devono essere inseriti negli annunci pubblicitari di YouTube servono a reindirizzare i potenziali clienti a un sito web oppure a una specifica URL. Oltretutto, se gli obiettivi della tua campagna sono conversioni, acquisizione di lead o traffico al sito web, non deve mancare il link che porti direttamente alla pagina di tuo interesse.

Di solito sono dei pulsanti ben visibili che contengono delle scritte come “Inizia adesso”, “Acquista ora”, “Procedi con l’iscrizione”, ecc.

L’invito che offre la tua CTA dipende ovviamente dal tuo obiettivo e dalla tipologia di annuncio che hai creato. La call to action deve essere pertinente e coerente con la pubblicità che hai mostrato altrimenti perde tutta la tua utilità.

Passiamo con il rispondere ad una domanda molto importante, diciamo essenziale, per chiunque voglia iniziare a fare YouTube Advertising o lo sta prendendo in considerazione.

Quanto costa fare pubblicità su YouTube?

schede sponsorizzate su YouTube

La pubblicità su YouTube, come la maggioranza delle campagne SEM, ha un costo PPC, ovvero pay-per-click. Ti abbiamo lasciato già qualche informazione mostrandoti le tipologie di annunci, ma ora stabiliamo meglio qual è l’investimento necessario per realizzare una campagna pubblicitaria di questo tipo.

Nel caso degli annunci video di YouTube a essere considerato “click” non sarà solamente la vera e propria interazione dell’utente con l’annuncio ma anche la visualizzazione del video o di una parte di esso.

I costi della YouTube Advertising si aggirano attorno a una media di 10 – 30 centesimi per click.

Ovviamente si tratta del costo medio che varia molto in base alla campagna pubblicitaria che vorrai lanciare.

La target audience, la tipologia di annunci, la qualità dei video e i tuoi obiettivi sono tutti fattori che andranno a influire sul costo dei tuoi YouTube ads.

Per quanto riguarda i costi, un vantaggio offerto da questo tipo di pubblicità è dato dalla possibilità di impostare un budget.

Definendo un tetto massimo di spesa non dovrai temere che YouTube ti presenti un conto troppo salato.

Come riuscire a tagliare i costi di una campagna video?

Oltre a scegliere la tipologia di video ads più adatta ai tuoi obiettivi di marketing, dovrai essere in grado di raggiungere il tuo pubblico target con le tue campagne video. Infatti, come anticipato, se il tuo annuncio riesce ad intercettare utenti potenzialmente interessati, il tuo ROI sarà molto più elevato.

Insomma, sarà come mostrare del cibo ad un affamato, la possibilità che decida di comprarlo si alzerà esponenzialmente.

Come avrai capito, fare pubblicità su YouTube non è un lavoro per tutti e anzi, richiede specifiche competenze in ambito di web marketing.

Per evitare investimenti inutili e grosse perdite di denaro ti invitiamo ad affidarti a un esperto del settore.

Come puoi capire se la tua pubblicità su YouTube sta funzionando?

Un altro fattore importante di cui tenere conto quando si fa YouTube Advertising è capire il rendimento della tua campagna.

Infatti, anche se per crearle vengono chieste scelte specifiche e strategiche, qualcosa può sempre andare storto. In ogni caso nel marketing funziona così: imposti una strategia e poi monitori le sue performance per poterla migliorare nel tempo rendendola sempre più efficace.

Ma, come fare?

Prima di tutto tieni d’occhio il tuo obiettivo, è la metrica principale per vedere quali risultati stai ottenendo, ma non è l’unica.

Di seguito le principali metriche da controllare:

  • Rendimento di base della campagna: cioè le visualizzazioni o interazioni, per quanto tempo i video sono stati visualizzati e quanto hai pagato mediamente per ogni spettatore che ha fruito del tuo video per almeno 30 secondi;
  • Rendimento dei click: cioè il numero complessivo dei click ottenuti, ma anche il numero dei click in rapporto al numero di volte in cui l’annuncio è stato visto;
  • Rendimento del coinvolgimento: cioè le interazioni che gli utenti hanno avuto con il tuo annuncio sempre relativo al numero di volte in cui il tuo annuncio è stato visualizzato;
  • Conversioni: per esempio quante persone si sono iscritte al tuo canale o hanno fatto quello che chiedevi con la CTA finale.

Il monitoraggio della campagna e la lettura dei dati sono davvero importanti per capire come sta andando il tuo investimento e, soprattutto, per farlo andare sempre meglio. Ecco perché ci vogliono occhi esperti che sanno quali modifiche apportare per migliorare le performance.

Sei pronto a lanciare la tua campagna pubblicitaria su YouTube?

I contenuti video sono sempre più apprezzati dagli utenti, ecco perché fare advertising su YouTube potrebbe davvero essere una mossa vincente all’interno della tua strategia di marketing.

Puoi intercettare i tuoi potenziali clienti in base ai loro interessi, fargli arrivare le tue comunicazioni specifiche e mirate, farti conoscere dalle persone in linea con i tuoi prodotti o servizi e proporgli le soluzioni che stanno cercando.

Tutto questo tenendo sempre sotto controllo il tuo investimento. Hai la possibilità di bloccarlo se le campagne non stanno andando come desideri o di aumentarlo quando vedi che funzionano e vuoi ottenere ancora di più.

Hai già provato a sponsorizzare annunci su YouTube ma senza grandi risultati? Oppure stai ancora valutando se ne vale la pena e non sai da dove iniziare?

In entrambi i casi quello che ti serve è una consulenza con degli esperti!

Qualunque sia la tua base di partenza, ecco quello che noi di Nextre Digital possiamo fare per te:

  • Produzione e/o consulenza video;
  • Pianificazione della strategia;
  • Ricerca delle parole chiave su cui puntare;
  • Impostazione di campagne di advertising;
  • Analisi, report e ottimizzazione della campagna.

Che cosa aspetti? Compila il modulo che trovi in questa pagina e contattaci. Collaboreremo insieme per la tua promozione sulla piattaforma video più famosa del mondo.

Domiziana Desantis

Il potere delle parole mi ha sempre affascinata, tanto che ho fatto della comunicazione la mia professione. Sono una Web Content Creator & Editor e scrivo contenuti per Nextre Digital, web agency di Milano.