Cinque motivi per cui i visitatori del tuo sito B2B non diventano clienti - Nextre Digital
CRO

Cinque motivi per cui i visitatori del tuo sito B2B non diventano clienti

La finalità principale di un sito B2B è quella di convertire il maggior numero di visitatori in clienti del tuo business.

Purtroppo però, non sempre questo accade. E così finisce che la percentuale di clienti acquisiti non corrisponde alle tue aspettative.

Se anche tu hai investito molto tempo e risorse ma non riesci comunque a convertire i visitatori del tuo sito B2B in clienti, non ti scoraggiare!

Esistono almeno cinque ragioni piuttosto comuni che non permettono al tuo sito di aumentare le conversioni: proviamo ad analizzarle e a scoprire quali possono essere le migliori soluzioni.

1. Informazioni scarse, insufficienti o non abbastanza chiare

Un sito B2B creato per promuovere la tua attività professionale dovrebbe, prima di tutto, informare chiaramente i visitatori su chi sei, qual è la tua storia e quali sono i servizi o i prodotti che offri. In sostanza, dovrebbe fornire tutte le informazioni di base per comunicare all’utente cosa troverà sul tuo sito e se puoi fare al caso suo.

Per ottenere questo risultato devi essere in grado di mettere in evidenza una serie di dettagli informativi molto importanti:

  • Spiegare chiaramente cosa offri ai tuoi clienti, quali siano nello specifico i tuoi prodotti o servizi e quali benefici è possibile ottenere per chi ne dovesse fare acquisto;
  • Raccontare, senza dilungarti troppo, il tuo background professionale, la tua storia o la storia della tua azienda e le tue esperienze trascorse per arrivare a realizzare il tuo progetto;
  • Cercare di illustrare con la maggiore chiarezza possibile i principali motivi per cui chi visita il tuo sito potrebbe essere interessato a contattarti per richiedere informazioni più approfondite e decidere di diventare tuo cliente.

Se mancano le informazioni di base, e soprattutto se non fornisci sufficienti motivazioni a un potenziale cliente, raramente chi visita il tuo sito si mostrerà interessato alle tue proposte commerciali.

sito B2B clienti - e-commerce
Esempio di sito B2B ben strutturato.

Considera che, nella maggior parte dei casi, il sito web è il primo punto di contatto tra un potenziale cliente e la tua azienda: se i contenuti e le informazioni non sono sufficientemente chiari e un visitatore non ha modo di capire immediatamente chi sei e cosa offri inevitabilmente abbandonerà il tuo sito a favore di un tuo competitor.

Quando un utente atterra sul tuo sito è importante che venga indirizzato a seguire un percorso semplice ma diretto, fino a decidere, senza forzature, di contattarti, richiedere un preventivo o delle informazioni.

Per evitare i problemi dovuti alla mancanza di chiarezza o di dettagli, ti suggeriamo di esaminare con attenzione il tuo sito B2B e verificare che vi siano contenute tutte le informazioni necessarie a spiegare chiaramente all’utente chi sei e cosa offri:

  • Chi sei: una breve ma chiara presentazione di te stesso e di quella che è la tua attività;
  • Cosa fai: spiega di cosa ti occupi, quali sono i prodotti o i servizi che sei in grado di proporre;
  • La tua storia professionale: racconta da quanto tempo svolgi questa professione o hai aperto un’attività produttiva o commerciale;
  • Dove sei: dove si trova la tua sede e a quale distanza sei in grado di operare;
  • Perché scegliere te: cosa pensi di avere da offrire al confronto con i tuoi concorrenti.

2. Confusione e difficoltà nella navigazione del sito

Ti sarà sicuramente capitato di vedere un volantino pubblicitario, o magari una pagina web, pieni di informazioni, descrizioni di prodotti, prezzi e immagini senza una logica precisa, in cui era difficile capirci qualcosa.

Non è raro che anche una piccola azienda commetta questo tipo di errore: costruire un sito web con molte informazioni, ma visivamente disorganizzate accade molto più spesso di quanto ti aspetteresti.

Questo però rende difficile la lettura, la comprensione e perfino la navigazione del sito da parte degli utenti.

Infatti, un sito web professionale poco curato dal punto di vista del design e privo di un percorso di navigazione accessibile finisce per confondere e disorientare i visitatori, che alla fine saranno obbligati ad abbandonarlo a favore di un competitor.

Per risolvere questo problema, peraltro piuttosto rilevante, ti consigliamo di rivolgerti a degli esperti del settore, che sappiano fornirti un progetto professionale sia per quanto riguarda la grafica che i contenuti, in modo tale da creare un sito chiaro, semplice e di grande effetto, con un’esperienza di navigazione facile e immediata.

3. Informazioni poco attendibili

Soprattutto se hai intrapreso da poco la tua attività, i tuoi visitatori potrebbero avere qualche dubbio sull’attendibilità delle tue informazioni.

Se ancora non hai raggiunto un certo successo, la soluzione migliore per ottenere credibilità è quella di mettere bene in evidenza all’interno del tuo sito alcune importanti testimonianze che confermino la qualità del tuo lavoro: le recensioni dei tuoi migliori clienti, gli eventuali riconoscimenti che hai ottenuto, le aziende con cui collabori.

Cerca di essere il più preciso possibile nel fornire questo tipo di informazioni, poiché possono essere davvero determinanti nel convincere i potenziali clienti a scegliere i tuoi prodotti o servizi.

sito B2B clienti
Esempio di sito B2B chiaro e intuitivo.

4. L’importanza delle Call to Action

Molto spesso, la ragione per cui un sito web B2B non riesce a trasformare i visitatori in clienti, o almeno in potenziali clienti, è la mancanza di Call to Action chiare.

La Call to Action è, in sostanza, l’invito a mettersi in contatto con un’azienda o con un professionista per ricevere informazioni più dettagliate e personalizzate, magari anche una consulenza specifica o un preventivo.

Accade spesso che le Call to Action, pur essendo presenti nel sito, non illustrino chiaramente cosa dovrebbe fare il visitatore per entrare in contatto con te od ottenere ulteriori informazioni. Errori semplici, come la difficoltà nel reperire le informazioni di contatto (indirizzo email, recapito telefonico, ecc.) o un form poco funzionante ne compromettono l’efficacia.

Per far sì che le tue Call to Action abbiano successo, e invoglino i visitatori a mettersi in contatto con te, puoi adottare diverse soluzioni:

  • Indicare più metodi per entrare in contatto con te, ad esempio un form e un indirizzo email;
  • Offrire la possibilità di scaricare un e-book informativo o una brochure;
  • Permettere di fissare un appuntamento telefonico per una prima consulenza;
  • Se proponi un servizio, puoi offrire a chi è interessato una demo gratuita su appuntamento.

5. Design dall’aspetto poco professionale

È proprio così: un sito web poco curato sotto l’aspetto dell’estetica e del design rischia non solo di fare allontanare i potenziali clienti, ma anche di rendere meno attendibili le tue informazioni e togliere affidabilità alla tua immagine.

Tieni conto che investire in un sito web dal design moderno ed elegante significa dimostrare ai visitatori che sei interessato a interagire con loro e a fare sì che si trasformino in potenziali clienti.

sito B2B clienti
Esempio di sito B2B dal design moderno e accattivante.

Le nostre conclusioni

Un sito web funzionale ed esteticamente piacevole è un investimento che ti può permettere non solo di fare conoscere la tua immagine e promuovere la tua attività, ma anche di ottenere un certo numero di clienti direttamente dai tuoi visitatori, anche occasionali.

Se non sai da dove cominciare per riuscire ad aumentare i visitatori del tuo sito B2B e convertirli in clienti, Nextre Digital può aiutarti.

Attraverso il nostro team di esperti analizziamo il tuo sito, verifichiamo quali sono i suoi punti deboli e lo ottimizziamo attraverso le migliori strategie.

Se sei interessato puoi contattarci e richiedere il tuo preventivo gratuito attraverso l’apposito form presente a lato della pagina. Il nostro team di ricontatterà appena possibile.

Elisa Mino