Poletti ci parla di IoP: persone al centro della comunicazione aziendale

Poletti ci parla di IoP: persone al centro della comunicazione aziendale nell’era del Coronavirus

Per ripartire ai tempi del Coronavirus occorre mettere al centro i collaboratori, coinvolgendoli nella vita dell’azienda e delle istituzioni. È tempo di IoP, di comunicazione che parli alle persone e delle persone.

È questa la chiave di lettura proposta nel libro “Tempo di Iop: Intranet of People”, pubblicato da Flaccovio e scritto dal giornalista professionista e comunicatore d’impresa Filippo Poletti.

Il libro è disponibile come ebook su Amazon ma dal 28 maggio 2020 sarà presente anche in formato cartaceo nelle librerie italiane.

filippo poletti con il suo nuovo libro tempo di iop

Giornalista professionista classe 1970, Filippo Poletti ha scritto per oltre 20 testate giornalistiche come il Corriere della Sera, il Giorno e Libero. Consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti, è oggi in Italia uno degli influencer su LinkedIn, il social media dedicato al mondo dei lavoratori. Si occupa dell’ambito della comunicazione aziendale interna ed esterna.

Pubblicato nel 50esimo anniversario dello Statuto dei lavoratori e lanciato dall’agenzia di stampa Ansa, il suo volume propone, in 300 pagine e 100 paragrafi, l’utilizzo di diversi strumenti di comunicazione interna efficaci. Questi strumenti possono essere l’intranet, l’invio di email, WhatsApp, le app e i social media.

Tra le case history illustrate nel libro c’è quella di Confartigianato Bergamo che, appellandosi ai propri associati, ha contribuito alla realizzazione di un ospedale da campo nella stessa Bergamo.

«In meno di due settimane, grazie anche all’aiuto degli artigiani – spiega Poletti –, è stato possibile realizzare una struttura con 142 posti letto e che, entrata in funzione il 7 aprile 2020, ha salvato tante vite umane».

Nel libro, alla fine di ciascuno dei 10 capitoli, è presente un’intervista fatta a imprenditori e docenti. Tra i manager viene dato spazio a Gianluca Preziosa, direttore generale di Siare Engineering, l’azienda di Crespellano-Valsamoggia in provincia di Bologna.

L’azienda è stata incaricata all’inizio del mese di marzo dal premier Giuseppe Conte e dalla Protezione Civile di fabbricare 2.350 respiratori polmonari, destinati a curare i malati di coronavirus negli ospedali.

«Lo sforzo fisico – racconta il manager nel libroè stato vissuto con una carica emotiva molto forte. Tutti noi sapevamo dove andavano a finire queste apparecchiature: prima arrivavamo, più vite umane avremmo salvato. Eravamo già una grande famiglia: questa impresa ci ha uniti ulteriormente».

Nell’ebook sono intervistati anche il professore di sociologia della Cattolica Luca Pesenti, il fondatore della società benefit Francesco Mondora e la responsabile della comunicazione interna di Eni, Valentina Uboldi.

«Mai come oggi, in un momento di grandissima difficoltà, i nostri sforzi devono essere indirizzati a sviluppare la comunicazione digitale sul posto di lavoro, condividendo le ragioni di ciò facciamo e le sfide da compiere. – conclude Poletti – Lo possiamo fare promuovendo uno storytelling quotidiano focalizzato sull’unità per il bene comune, il dialogo aperto, la formazione per la crescita continua (con corsi online aperti a tutti i dipendenti), il benessere o welfare e, infine, la sostenibilità attraverso l’adesione all’economia circolare. Dopo anni in cui il dibattito nel mondo delle telecomunicazioni si è concentrato sull’IoT o Internet of Things è giunto il momento di dedicare la nostra attenzione anche all’IoP o Intranet of People».

Sabrina Andreose