Gestiamo e ottimizziamo campagne su Google AdWords in grado di incrementare il tuo business - Nextre Digital

Gestiamo e ottimizziamo campagne su Google AdWords in grado di incrementare il tuo business

Hai un’azienda con dei buoni guadagni ma tu non sei soddisfatto? Vorresti di più? E chi non lo vorrebbe!

Lascia che ti sveliamo un segreto: la risposta è sotto il tuo naso. Tutti i giorni.

Google AdWords!

Non dire che non ci avevi pensato. Anzi, magari hai già provato ad impostare qualche campagna ma ti è sembrata un’attività troppo dispendiosa e macchinosa.

Forse non lo stavi facendo nel modo giusto.

Google AdWords è uno dei migliori investimenti che tu possa fare per veder crescere il tuo business.

Vuoi lasciarti sfuggire questa opportunità perché la ritieni troppo complessa? Neanche per sogno!

Questo è il motivo per cui vogliamo fornirti gli strumenti giusti per capire cosa non sta funzionando nelle eventuali campagne che hai già impostato e cosa puoi fare per migliorarle.

Ecco come avviene una corretta gestione delle campagne Adwords.

Le tue campagne su Google AdWords non performano al meglio?

gestione campagne adwords

Nessuno nasce con il sapere in pugno. Ogni conoscenza e competenza va acquisita, testata ed elaborata prima di poterla padroneggiare.

Hai già provato a dilettarti con le campagne Adwords ma non hai ottenuto dei risultati edificanti?

Succede a tutti all’inizio.

Ci si approccia alla pubblicità su Google pensando di scegliere semplicemente un pubblico indicativo, una localizzazione geografica, alcune parole chiave che fanno riferimento al tuo brand e fare diversi test (magari contemporaneamente).

Sembra tutto molto semplice a parole senonché, quando ti trovi nel momento cruciale del processo, tutto sembra andare a rotoli.

Come è possibile?

Le campagne Google Ads possono essere chiare nella teoria ma nella loro applicazione sono caratterizzate da una miriade di sfumature che sanciscono il tuo successo o l’insuccesso.

Abbiamo detto che tutto si impara, vero?

Perfetto, iniziamo imparando quali sono gli errori da non fare quando imposti una campagna su Google.

Magari stai facendo uno di questi errori

gestione campagne adwords

Non demoralizzarti se all’inizio commetti qualche errore, è comprensibile.

Ma come dice la locuzione latina “Errare humanum est, perseverare autem diabolicum”, errare è umano ma perseverare è diabolico!

Perciò, quanto ti cimenti nelle campagne Google devi sempre tenere bene a mente cosa non devi fare, questa è la prima regola per non sbagliare.

Dopo aver fatto questo, ti spiegheremo come noi di Nextre Digital ci occupiamo della gestione campagne Adwords.

Scegliere la piattaforma sbagliata

Qual è il tuo primo pensiero quando devi scegliere la piattaforma per i tuoi annunci? Optare per quella più frequentata.

Questa scelta è in parte corretta ma in parte no.

È giusto che tu scelga una piattaforma dove sei sicuro di trovare una buona fetta di pubblico altrimenti, diciamocelo, non avrebbe senso investire.

Ma devi fare un passo in più. Perché, non solo devi scegliere una piattaforma con abbastanza pubblico, ma deve anche essere quella giusta per te.

Magari oggi il numero di utenti è più alto su Facebook, ma tu vendi alberi cardani. Capisci fin da ora che il pubblico annoiato dei social sarebbe poco attratto da una sponsorizzata sugli alberi cardani.

Diversamente, su Google potresti raggiungere il giusto target perché è lì che si trovano coloro che cercano gli alberi cardani. Facendo un boom nelle vendite!

Così come, al contrario, vuoi vendere un’action camera e il modo di farlo è con un video adrenalinico su YouTube.

Ricapitolando, non scegliere una piattaforma solo perché è la più cool del momento, ma perché è lì che si trova il tuo target di riferimento.

Indirizzare il traffico verso una piattaforma concorrente

La scorsa settimana hai creato un’ottima presentazione che hai pubblicato su YouTube e adesso vuoi sfruttarla per la tua campagna su Google?

Questa è una pessima idea.

Come avrai già notato postando qualche contenuto sulle diverse piattaforme, ognuna di queste abbassa la tua visibilità nel momento in cui pubblichi un contenuto che manda l’utente fuori dalla piattaforma stessa.

Facciamo un esempio molto semplice per capirci.

Prova a creare un post su Facebook con qualche riga introduttiva e una bella foto. Conta i like che hai ricevuto. Il giorno dopo, alla stessa ora, pubblica un post con qualche riga di introduzione e un link che rimanda ad un articolo web. Quanti like hai totalizzato? Il secondo post vanterà un punteggio inferiore di engagement rispetto al primo.

Questo meccanismo è normale. Ogni piattaforma mira a trattenere l’utente quanto più a lungo possibile nel suo ecosistema.

In sintesi, scegli il contenuto giusto che mantenga il visitatore su quella stessa piattaforma: otterrai molti più risultati.

Troppi dettagli nel tuo pubblico

La creazione del pubblico, permettici di dirtelo, è una vera arte. In apparenza semplice, ma piena di sfaccettature che possono portare a tantissimi risultati come a nessuno.

Nel momento in cui vuoi ottenere maggiore visibilità su Google, uno dei principi chiave è quello di selezionare il giusto pubblico in target.

Su tante guide che circolano nel web probabilmente avrai letto consigli che ti esortavano ad essere quanto più specifico possibile, per non perdere nemmeno un utente.

In realtà, essere specifici va bene. Ma attenzione, non devi esserlo troppo!

Se rimani sul generico e imposti un target come “abbigliamento da donna”, per esempio, vai a scontrarti con gli annunci dei big del mercato. Risultato? Il tuo non lo vedrebbe nessuno.

Di contro, essere troppo specifico rischia di tagliare fuori una fetta di mercato molto grande e di portarti pochi risultati.

La soluzione sta nel mezzo.

Tra le due opzioni è sempre meglio rimanere su un bacino di utenza più ampio che non più dettagliato.

Facebook ha creato un meraviglioso grafico all’interno del suo Business Manager che, grazie ad una freccia, ti indica se il pubblico che stai selezionando è troppo ristretto o troppo ampio.

Anche nelle campagne su Google è importante trovare questo equilibrio.

Fare annunci contro te stesso

Questo è uno degli errori più comuni per chi è alle prime armi con la pubblicità su Internet: fare più annunci contro te stesso che si annullano a vicenda.

Avrai sicuramente letto del consiglio di fare diversi test per capire quale settaggio performa meglio. Oppure, altro scenario plausibile, nella stessa settimana vuoi pubblicizzare contemporaneamente due dei tuoi prodotti.

In tutti questi casi, si verifica una dinamica che rende praticamente vano tutto il tuo investimento. I tuoi annunci si annullano.

Questo accade perché punti allo stesso pubblico, ma con due call to action differenti.

Facciamo un esempio. Il primo annuncio mira al pubblico X e lo invita a visitare una scheda prodotto. Il secondo annuncio, che punta sempre a raggiungere il pubblico X, rimanda ad una landing page con un modulo per la richiesta di contatti.

Cosa deve fare il tuo pubblico? Vedere il prodotto o lasciare il contatto?

Comprendi anche tu che gli annunci sono in contrasto.

Ecco perché la maggior parte delle piattaforme oggi consente di fare gli A/B test, così da poter creare più annunci contemporaneamente ma impostandoli in modo diverso per evitare l’inconveniente che abbiamo appena analizzato. E, nel frattempo, per vedere qual è il più performante.

Promuovere lo stesso annuncio per troppo tempo

“Fantastico! Dopo settimane di tentativi andati male ho finalmente trovato il giusto settaggio per la mia campagna. Penso proprio che la lascerò attiva per un mesetto.”

Semaforo rosso. Questo pensiero è sbagliatissimo.

Chiunque, preso dall’entusiasmo di aver finalmente indovinato la formula segreta per ottenere tante conversioni, può essere tentato a lasciare attiva ad oltranza la propria campagna.

Forza, ammetti che il pensiero ti ha sfiorato.

Tuttavia, è statisticamente provato che tutte le piattaforme che abbiamo nominato, e su cui puoi fare campagne a pagamento, performano meglio se vengono modificate ogni settimana.

Se non ti fidi, puoi fare tu stesso una prova.

Sicuramente vedrai che il tuo annuncio farà faville all’inizio ma poi, poco a poco perderà di efficacia. È normale.

Questo può dipendere da tantissimi fattori come le modifiche interne delle piattaforme, che non mancano mai di arrivare, l’ingresso di un competitor, un particolare evento che si verifica in alcune giornate, ecc.

Creare un annuncio su base settimanale ti permette di limitare l’incidenza di tutto ciò che potrebbe verificarsi in un periodo tanto lungo come quello rappresentato da un intero mese.

Ora che abbiamo visto tutti gli errori da non commettere nelle campagne, passiamo ad analizzare come avviene una corretta gestione.

Come gestiamo le campagne AdWords in Nextre Digital

Google Adwords è una grande risorsa per la tua azienda, è ovvio.

Prima di tutto perché ti consente di fare una pubblicità rivolta al tuo target di riferimento, ma anche perché è professionale e inerente al tuo ramo.

Con la scelta delle giuste parole chiave intercetti l’utente nel momento stesso in cui effettua la ricerca su Google, fornendo la risposta alle sue necessità.

Inoltre, le campagne Adwords ti lasciano molta libertà di modifica ed interruzione. Se ti accorgi che qualcosa non sta performando come dovrebbe, qualche click è sufficiente per correggere l’errore.

E, infine, garantisce dei risultati. Se impostata nel modo giusto, una campagna Adwords ti permette di raggiungere un gran numero di potenziali clienti in target ed interessati ad acquistare il tuo prodotto o servizio.

E qui entriamo in gioco noi!

Dilettarsi con le campagne sul web può certamente essere divertente, ma quanto investimento e quanto denaro ti richiede questa prova?

Non è forse meglio andare sul sicuro, affidarsi ad un professionista e raggiungere il miglior risultato nel minor tempo possibile?

Noi di Nextre Digital siamo esperti nella consulenza su Google Adwords, è ciò che facciamo da anni, e abbiamo una cassetta degli attrezzi ben fornita per impostare gli annunci migliori sulla base delle caratteristiche aziendali e del mercato di riferimento.

Ecco come aiuteremo il tuo business ad ottenere la massima visibilità su Google.

Esaminiamo le possibili tipologie di campagne

gestione campagne adwords

Per fare pubblicità su Google tutto inizia con una campagna, questo ormai è abbastanza chiaro.

Nel momento in cui imposti la tua campagna esistono obiettivi diversi che la piattaforma ti mette a disposizione per far raggiungere al tuo business il migliore risultato in quel momento.

Gli obiettivi che Google prevede per le sue campagne sono:

  • Vendite
  • Lead
  • Traffico sul sito web
  • Considerazione del prodotto e del brand
  • Notorietà del brand e copertura
  • Promozione di app

Selezionare il giusto obiettivo è molto importante perché l’architettura della campagna ti permette di impostarla proprio per raggiungere quello scopo e, inoltre, va a puntare sugli utenti che sono più inclini a porre in essere un’azione piuttosto che un’altra.

Per questo Google ti mette a disposizione il giusto strumento per ogni tua esigenza di business.

Ora entriamo più nello specifico nei diversi tipi di campagna che Google consente di fare.

Campagna nella rete di ricerca

Come spiega in modo molto esaustivo Google Ads nella sua guida, la campagna della rete di ricerca ti permette di creare annunci che vengono visualizzati nei risultati di ricerca di Google e dai partner di ricerca di Google stesso.

Semplificando il concetto, i tuoi annunci vengono mostrati a chi effettua ricerche su Google e ai sui suoi partner, quando attivi.

Campagna sulla Rete Display

La Rete Display permette ai tuoi annunci di raggiungere gli utenti nel momento in cui stanno navigando sui loro siti web preferiti.

Ma non solo, anche quando guardano un video su YouTube, controllano il proprio account di posta Gmail o utilizzano un’app.

Come dice lo stesso Google, gli annunci Display mostrano il tuo messaggio ai potenziali clienti nel posto giusto e nel momento giusto.

Campagna su Google Shopping

La campagna Shopping è perfetta per i rivenditori che vogliono promuovere un catalogo online o dei prodotti venduti a livello locale.

Questo obiettivo permette di ottenere maggiore traffico sul sito, ottenere lead in target o aumentare le visite presso il negozio fisico.

Gli annunci su Google Shopping sono particolari perché non mostrano solamente un annuncio di testo, ma anche il prodotto con il titolo, il prezzo, il nome del negozio, ecc.

Rendere reperibili tutte le informazioni utili prima che gli utenti clicchino sul tuo annuncio ti permette di ottenere lead qualificati.

Campagna video

Questo genere di campagna mostra gli annunci video indipendenti oppure ti permette di inserirli all’interno di altri contenuti video in streaming su YouTube o sulla Rete Display di Google.

Puoi scegliere tra annunci video ignorabili dopo 5 secondi da parte degli utenti o non ignorabili.

Esistono gli annunci discovery che vengono pubblicizzati solo su YouTube oppure quelli outstream che vengono pubblicizzati sui siti partner.

Infine, puoi scegliere anche gli annunci bumper di breve durata, studiati per aumentare la tua brand awareness.

Campagne per app

L’ultima tipologia di campagna Adwords è quella per app. Ti aiuta a pubblicare annunci all’interno della tua app per raggiungere un pubblico sempre più alto di utenti paganti.

Inoltre, semplifica la promozione della tua app su Ricerca, Google Play, Rete Display, Google Discovery e YouTube.

Analizziamo il mercato

Ogni azienda opera all’interno di un particolare mercato e per fare degli annunci personalizzati è necessario analizzarlo con cura.

Dobbiamo scoprire chi sono le buyer personas, quali sono i loro comportamenti abituali, i loro interessi, le ricerche che effettuano, ma anche chi sono i competitor ecc.

Questa analisi è fondamentale per:

  • Segmentare il pubblico di destinazione
  • Trovare le giuste parole chiave

Durante questo studio faremo molta attenzione all’analisi del CPC di ogni parola chiave, cioè il suo costo per click.

È molto importante quando devi impostare campagne PPC, Pay per click, ossia quelle campagne dove paghi nel momento in cui un utente clicca sul tuo annuncio.

L’analisi del mercato è necessaria sia in fase preventiva sia quando le prime campagne cominciano a dare risultati, attraverso gli Insights.

Creiamo gli annunci

Lo studio del mercato di riferimento è un passaggio cruciale della creazione campagne Adwords, ma anche la scrittura dell’annuncio stesso non è da meno.

L’annuncio è composto da un titolo e da una descrizione.

Attenzione, il click dell’utente dipende proprio da queste poche righe che devono essere concise ma descrittive.

In poche parole devi descrivere il prodotto che offri e quali sono i suoi vantaggi, cercando di attirare quanto più possibile l’attenzione dell’utente.

Lo scopo della nostra consulenza è proprio quello di far sì che la maggior parte delle persone che navigano sul web in cerca del tuo prodotto o servizio facciano click sull’annuncio.

Ottimizziamo la campagna

Sulla base dell’analisi dei dati derivanti dalle campagne, ottimizzeremo il loro rendimento.

Questo è possibile agendo su diversi fattori:

  • Visualizzando le principali ricerche degli utenti
  • Scegliendo keywords performanti e mettendo in pausa quelle che convertono poco
  • Ottimizzando la geolocalizzazione
  • Strutturando al meglio il gruppo di annunci
  • Migliorando l’allocazione del budget
  • Utilizzando estensioni degli annunci

Grazie alla nostra esperienza riusciamo a ricavare dati utili da ogni campagna e sappiamo già quali sono gli elementi sui quali intervenire per farla performare al massimo delle sue possibilità.

Perché dovresti rivolgerti a una web agency

gestione campagne adwords in nextre digital

Vuoi dare maggiore visibilità al tuo brand e promuovere i tuoi prodotti o servizi? Allora è il momento giusto per affidare la gestione campagne Adwords ad una web agency.

Come abbiamo detto all’inizio, sperimentare in tema di campagne su Google può essere divertente, ma senza possedere le giuste conoscenze e competenze rischi di sperperare il budget che hai a disposizione per vedere pochi risultati.

Una consulenza Google Adwords, invece, ti permette di creare annunci che funzionano.

Se la campagna è performante, ottieni una grande quantità di click sull’annuncio e, di conseguenza, una maggior quantità di clienti per il tuo business.

Ricapitolando:

  • Analizziamo il mercato all’interno del quale operi per individuare il pubblico giusto e trovare le parole chiave più performanti;
  • Creiamo l’annuncio con le giuste caratteristiche di informazione ed attrattiva;
  • Ottimizziamo la tua campagna e ti mostriamo i risultati ottenuti attraverso una reportistica mensile.

Il nostro team di esperti certificati Google è pronto per seguirti passo a passo nella creazione delle tue campagne, costruendo insieme un’attività di advertising che dia ottimi risultati.

Vuoi essere nelle prime posizioni di ricerca su Google?

Allora contattaci subito attraverso il modulo di contatto che trovi su questa pagina.

Eleonora Truzzi

Sono web writer e mi diverto a scrivere di tutto ciò che mi appassiona. Dopo la laurea in Giurisprudenza ho ritrovato il mio amore per le parole. Ora mi dedico alla continua scoperta di nuovi angoli di mondo perchè mi aiuta ad andare oltre i miei limiti, ad allargare i miei orizzonti e ad essere grata della vita.