LEAD GENERATION MARKETING

Ecco perché dovresti fare Mobile Advertising

Alessandro Aru Nov 03 2021

Ti stai chiedendo perché dovresti fare mobile advertising?

Semplice. Sempre più persone usano il loro smartphone per fare acquisti online, per cercare informazioni o per mandare e-mail. Tramite i dispositivi mobili possiamo entrare in contatto con chiunque vogliamo in pochissimo tempo.

Mentre stai cercando un’informazione su Google o stai guardando la bacheca di Facebook appare una pubblicità che ti incuriosisce. Magari si tratta di un negozio, di un sito, di un corso. Una volta cliccato su quell’annuncio, il mobile advertising ha svolto il suo primo compito: attirare la tua attenzione.

Non fare pubblicità sui dispositivi mobili significa precludersi la possibilità di poter entrare in contatto con tutti questi potenziali clienti interessati alla tua attività.

Ma cos’è esattamente il mobile advertising e perché dovresti iniziare subito ad investire in questa strategia?

Conosci già il Mobile Advertising?

Quando parliamo di Mobile Advertising ci riferiamo a tutte le azioni pubblicitarie usate per promuovere i propri prodotti e servizi attraverso i dispositivi mobili.

Le prime forme pubblicitarie su smartphone e tablet sono state gli annunci di testo (SMS) e i banner pubblicitari che comparivano all’interno dei siti web visitati.

Oggi per Mobile Advertising si intende un sistema molto più ricco di opzioni e, soprattutto, di opportunità. 

Per riassumere il concetto possiamo individuare quattro punti fondamentali:

  1. Il Mobile Advertising comprende ogni tipo di pubblicità che appare sui dispositivi mobili (tablet e smartphone), che si connettono a Internet.
  2. Le tipologie di annunci utilizzate sono SMS, E-mail, banner pubblicitari all’interno dei siti web, pubblicità nativa su App.
  3. Il target è profilato accuratamente e gli annunci vengono profilati in base alle preferenze e alle caratteristiche dei consumatori. 
  4. Gli annunci vengono ottimizzati per gli schermi piccoli, in modo che possano essere visualizzati bene dagli utenti.

Sono sempre più le richieste di consulenza alle advertising agency per inserire il Mobile Advertising nella propria strategia di marketing, diventato di vitale importanza, considerando che tutti ormai hanno uno smartphone o un tablet.

Infatti più dell’82% della popolazione online (circa 32 milioni di italiani) utilizza i dispositivi mobili per navigare su internet, mentre il restante si connette da desktop.

Le connessioni wireless sono disponibili quasi ovunque e le possibilità di accesso ad Internet sono pressoché illimitate.

Il tempo medio giornaliero che gli italiani trascorrono online dai loro dispositivi mobile è di circa 2 ore.

Numeri da capogiro che riescono a farti capire che si tratta di un fenomeno in continua crescita e su cui è necessario investire.

Il Mobile Advertising si fa su App e Browser

mobile advertising su app e browser

Per fare il Mobile Advertising si può scegliere di utilizzare diverse piattaforme. Tuttavia, quelle che permettono di raggiungere il maggior numero di utenti sono le App e i Browser.

Oggi gran parte dei siti web sono mobile responsive, cioè si adattano agli schermi dei dispositivi mobili in modo che gli utenti possano visualizzare correttamente le pagine.

Molte persone si connettono a Internet tramite smartphone e tablet, vista l’immediatezza e la possibilità di accedere in qualsiasi momento lo desiderino.

La navigazione da desktop, ormai, è stata surclassata dalla navigazione da mobile che rappresenta il 51,2% degli accessi, contro il 48,7% da postazione fissa.

Per cui la pubblicità sui browser si sta adattando sempre di più ad offrire contenuti moderni e in grado di garantire un’esperienza di fruizione di alto livello.

Gli annunci in-app sono una delle modalità preferite dagli advertiser. In genere, infatti, non interrompono la navigazione dell’utente e lo intercettano proprio in un contesto che dimostra di apprezzare.

Le app vengono scelte e scaricate dalle persone in base ai propri gusti e gli annunci in-app sono progettati proprio per inserirsi all’interno del viaggio del consumatore, in modo armonico e funzionale.

Le tipologie e i formati degli annunci, quindi, vanno scelti a seconda della piattaforma, browser o app. 

Tipologie di Mobile Advertising

Oltre il 47% degli investimenti pubblicitari online è utilizzato per il Mobile Advertising. Ma per sfruttare al meglio le opportunità che offre la pubblicità su mobile è necessario capire quali tipi di pubblicità integrare.

A seconda del tipo di attività che hai e in base alle caratteristiche del tuo target puoi utilizzare una di queste strategie:

  • pubblicità nativa;
  • annunci su google adwords;
  • annunci pubblicitari attraverso notifiche push;
  • pubblicità video;
  • invio di sms e email;
  • creazione di banner pubblicitari;
  • location based marketing;
  • pubblicità nativa su App.

Vediamole nel dettaglio.

Native Advertising

native advertising

La pubblicità nativa è una forma di pubblicità che si integra con i contenuti scelti dall’utente. La sua efficacia sta nel fatto che non disturba l’esperienza d’uso mentre si naviga online.

Optare per il native advertising presuppone una profonda conoscenza della piattaforma scelta, ma offre moltissimi vantaggi a chi decide di utilizzarlo.

La pubblicità nativa, infatti, permette di offrire agli utenti contenuti originali e unici, creati appositamente per loro. Utilizzando un mezzo scelto dall’utente puoi proporre un prodotto che verrà fruito in modo del tutto naturale e intuitivo.

Secondo diversi studi, la pubblicità nativa è molto più efficace degli annunci tradizionali. I consumatori, infatti, nonostante sappiano che si tratti di un annuncio a pagamento, sono più disponibili a cliccarci.

La pubblicità nativa risulta molto meno invadente e riesce a convertire meglio rispetto alla pubblicità tradizionale.

Pubblicità su Google Adwords

annunci su google adwords

Scegliere di fare campagne pubblicitarie su Google Adwords ti permette di raggiungere l’utente in qualsiasi situazione, tenendo conto di dati importanti come la posizione geografica e l’orario.

Per creare annunci adatti al mobile devi:

  • ottimizzare i messaggi adattandoli al formato per il mobile;
  • fare attenzione alla lunghezza del copy;
  • attivare l’opzione per la pubblicazione sulla rete display per gli annunci illustrati.

Questo tipo di annunci è molto funzionale per la promozione di app, così da incentivare gli utenti ad effettuare il download.

Notifiche Push

pubblicità con notifiche push

Le notifiche push sono quelle che ti raggiungono, ad esempio sui social, quando qualcuno commenta un tuo post o per ricordarti un compleanno.

Queste notifiche vengono proposte in fase di navigazione e, in base alla privacy, è l’utente a decidere se consentire o meno che gli vengano inviate. 

Generalmente, se un cliente ha accettato di ricevere le notifiche, significa che probabilmente è interessato al tuo servizio.

Le notifiche push vengono utilizzate anche per le ads, attraverso annunci push.

Le notifiche push sono ottime per pubblicizzare:

  • Concorsi a premi;
  • Offerte di contenuti mobili;
  • Giochi;     
  • App;
  • E-Commerce.

Pubblicità Video

pubblicità video

I consumatori utilizzano spesso i dispositivi mobili per interagire con le loro marche preferite. La pubblicità video si sta affermando come uno dei formati più amati dagli utenti, scelto ogni giorno dal 50% delle persone.

Il suo punto di forza è la capacità di unire in un solo formato movimento e suono, riuscendo a catturare l’attenzione degli utenti. È un veicolo efficace per influenzare le decisioni d’acquisto e trasmettere la personalità del brand.

Per sviluppare un contenuto video ottimizzato per mobile, devi basarti su ciò che piace al tuo target e rispettare queste indicazioni:

  • crea video verticali;
  • varia la lunghezza e il formato;
  • trasforma le immagini statiche in video, con l’utilizzo di grafiche, testi e suoni.

Banner pubblicitari

banner pubblicitari sui siti web

I banner pubblicitari sono una delle forme di marketing più utilizzate sul web. Per avere successo devono attirare l’attenzione degli utenti ed essere creati con caratteristiche adatte alla rete display.

Un banner pubblicitario di successo deve avere queste caratteristiche:

  • essere pensato per un target preciso e pre-segmentato;
  • l’immagine deve essere di alta qualità, luminosa e accattivante;
  • stare al passo con le tendenze;
  • associare un testo chiaro e semplice, che integri l’immagine;
  • non deludere le promesse;
  • contenere una call to action;
  • tenere conto del comportamento della concorrenza.

Location Based Marketing

La pubblicità basata sulla localizzazione è uno strumento che può fare la differenza. Aumenta i tassi di conversione ed è molto efficace nella strategia di marketing delle piccole e medie imprese.

Come funziona?

Facendo location based marketing, invii dei messaggi pubblicitari ai tuoi clienti che si trovano entro una certa distanza geografica.

Questi messaggi sono altamente personalizzati e si basano sulla conoscenza dei comportamenti dell’utente. Quando il cliente si trova in prossimità della tua attività, viene raggiunto da messaggi (sconti, offerte) con cui viene incoraggiato a visitare il tuo negozio.

E-mail e SMS

pubblicità con sms e e-mail

E-mail e sms sono strumenti diretti da utilizzare per inviare promozioni e informazioni in tempo reale.

Considera che, in particolare gli sms, vengono letti entro 3 minuti dal 90% dei destinatari. Questo strumento di real time marketing, ti permette di sfruttare la leva dell’immediatezza per lavorare sulle tue azioni successive.

Gli utenti sono disponibili a concedere i loro dati di contatto in cambio di informazioni utili.

E-mail e sms, utilizzati in modo sinergico, possono migliorare i risultati della tua strategia di comunicazione.

Sono molto utili nelle fasi di acquisizione dei lead e per curare il cliente nel post-acquisto.

Pubblicità nativa su App

Efficaci ed estremamente funzionali, gli annunci nativi nelle app non infastidiscono gli utenti e si fondono con gli altri elementi della app.

Si tratta di contenuti pubblicitari che compaiono all’utente mentre utilizza le sue app preferite. 

La loro particolarità è che appaiono nell’ambiente naturale dell’app del cellulare senza interrompere il flusso della navigazione.

Gli utenti visualizzano dei contenuti del tutto simili a quelli della app: il design degli annunci, i pulsanti, la call to action.

La loro funzione è simile a quella dei banner pubblicitari ma senza che possano essere bloccati. 

L’esempio di pubblicità nativa su app che tutti conosciamo è la pubblicità su Facebook. Mentre l’utente scorre nel suo feed di notizie, tra un post e l’altro gli vengono proposti gli annunci sponsorizzati. 

Le strategie di Mobile Advertising che funzionano

Sempre più aziende stanno cominciando a comprendere le potenzialità del Mobile Advertising, tanto che la spesa pubblicitaria destinata ai dispositivi mobili è in continua ascesa.

Intercettare un utente mentre si rilassa, quando passeggia o proprio nel momento in cui si trova nei pressi della tua attività commerciale è un’occasione ghiotta per cercare di convertirlo.

Tuttavia la crescita degli investimenti pubblicitari porta con sé anche un aumento della concorrenza.

Come fai a distinguerti in un mercato molto affollato?

Quali sono le strategie per convincere il cliente a cliccare proprio sul tuo annuncio?

Nonostante il settore sia relativamente nuovo, ci sono strategie pubblicitarie che stanno riscuotendo successo nel Mobile Advertising.

L’importante è ricordare che ogni azienda ha le proprie caratteristiche e un target specifico per cui è bene individuare le tecniche più indicate.

Vediamo quali sono:

  • Scegli formati di annunci che il pubblico mostra di apprezzare: le tendenze più recenti mostrano che gli utenti apprezzano particolarmente i video e gli annunci nativi.
  • Fai local marketing: la pubblicità geolocalizzata è un’opportunità enorme per le aziende localizzate. Gli annunci, infatti, vengono mostrati solo a consumatori locali, così da essere più efficaci e mirati.
  • Parti da Facebook e Google: gli annunci su Facebook e su Google sono un ottimo punto di partenza perché permettono di inserire gli annunci su più dispositivi. Con le campagne SEM e l’Audience Network di Facebook puoi raggiungere un target profilato su più dispositivi.
  • Sfrutta le opzioni di targeting: gli utenti sono stanchi di ricevere pubblicità poco pertinenti con i loro interessi. Vogliono ricevere annunci di valore e questo può essere fatto con una buona profilazione. 

Ci sono diverse opzioni di targeting che puoi utilizzare, considerando la grande efficacia dei microdati.

Infine, ricorda che gli utenti sono impazienti: quindi crea annunci leggeri, in modo che non impieghino troppo tempo per il caricamento.

Quanto costa fare Mobile Advertising

Quindi, ora che ne hai intuito le potenzialità ti starai chiedendo quanto costa fare Mobile Advertising.

Come si fa impostare un budget pubblicitario per gli annunci su mobile?

In meno di 10 anni, la spesa destinata alla Mobile Advertising si è decuplicata. Questo significa che le aziende hanno scoperto uno strumento interessante per promuoversi e intercettare clienti.

La spesa pubblicitaria per i dispositivi mobili viene monitorata valutando i costi in base ai click (CPC), a seconda delle conversioni ottenute (CPA) o considerando le visualizzazioni degli utenti (CPM).

Il Costo per click è una metrica che indica la spesa necessaria per ottenere un singolo click. 

Si può prevedere con una consulenza Google Adwords e si utilizza per calcolare le performance delle campagne su Google ADS. 

Il Costo per azione rappresenta il costo di ogni singola azione prodotta dalla campagna.
Si calcola considerando il budget totale investito nella campagna diviso il numero delle conversioni ottenute.

Si utilizza l’acronimo CPM per indicare il costo per mille visualizzazioni.
In questo caso l’inserzionista può fare un’offerta affinché il suo annuncio venga mostrato a più utenti possibili.
La spesa si stabilisce in relazione al numero di visualizzazioni che si vogliono ottenere.
Questa modalità è funzionale per aumentare la consapevolezza del marchio.

A influire sui costi degli annunci, inoltre, ci sono diversi fattori:

  • il settore di riferimento, 
  • i canali di pubblicazione, 
  • l’ampiezza del target, 
  • la collocazione geografica,
  • il sistema operativo del dispositivo.

Perché dovresti iniziare a fare pubblicità su mobile?

I dispositivi mobili sono diventati strumenti utilizzati da tutti nella quotidianità. Le persone li portano ovunque, dal bagno al supermercato.

Questo significa che, facendo Mobile Advertising, è possibile raggiungere moltissimi nuovi utenti e conoscere le loro abitudini.

Comprendere le abitudini d’acquisto dei consumatori ti darà la possibilità di avere risultati più immediati e con maggiore interattività.

Aziende delle portata di Samsung e Netflix hanno sfruttato il Mobile Advertising per effettuare campagne pubblicitarie di grande successo. Ma questi sono solo due dei brand internazionali che hanno optato per la pubblicità tramite i dispositivi mobili.

In un mondo sempre più iperconnesso, il Mobile Advertising sta crescendo a dismisura e non considerare questa tipologia di servizio nella propria strategia pubblicitaria significa perdere una grandissima opportunità.

Le nuove generazioni hanno lo smartphone prestissimo e non va sottovalutata la loro influenza sul mercato.

Così come non va ignorata l’introduzione del 5G che renderà Internet ancora più potente e disponibile ovunque.

Sei pronto a implementare il Mobile Advertising nella tua strategia di marketing?

Contattaci per avere più informazioni su questo servizio. La nostra agenzia è sempre aggiornata sulle ultime tendenze e ti aiuteremo a cogliere tutte le opportunità offerte dal mercato.

Richiedi informazioni

Il nostro blog