SEO

Dati strutturati nella SEO: cosa sono e perché usarli

Set 26 2023

Quando scrivi un contenuto sul web pensi di scriverlo solamente per i lettori? Ebbene, lo stai scrivendo anche per i motori di ricerca

Esattamente come un lettore deve essere in grado di capire ciò che scrivi, e per questo tu ti preoccuperai di scegliere una comunicazione chiara e trasparente, così anche Google o qualsiasi altro motore di ricerca deve “leggere” quel contenuto

Qui però sorge un problema: Google non legge i contenuti come farebbe una persona fisica

Ecco allora che nell’ambito della SEO, l’ottimizzazione dei motori di ricerca, un elemento fondamentale che sta guadagnando sempre più importanza è quello dei dati strutturati. Questi dati, se utilizzati correttamente, possono migliorare significativamente la visibilità e la comprensione dei motori di ricerca riguardo al contenuto del tuo sito web.

Stiamo parlando di un insieme di marcatori che consentono ai motori di ricerca di comprendere meglio il contesto delle informazioni presenti sulla pagina, contribuendo a migliorare la qualità dei risultati di ricerca. 

In altre parole, i dati strutturati fungono da “etichette” che aiutano i motori di ricerca a categorizzare e presentare i contenuti in modo più efficace agli utenti.

Continuare a parlarne astrattamente potrebbe però confonderti, perciò entriamo subito nel vivo della questione e scopriamo insieme cosa sono e a cosa servono i dati strutturati

Cosa sono i dati strutturati

I dati strutturati nella SEO sono un insieme di marcatori o etichette inserite nel codice sorgente di una pagina web al fine di fornire informazioni specifiche e strutturate sui contenuti presenti sulla pagina stessa. 

Questi marcatori consentono ai motori di ricerca di comprendere meglio il significato e le informazioni presenti sulla pagina, facilitando la presentazione di risultati di ricerca più ricchi e pertinenti agli utenti.

In pratica, i dati strutturati sono un modo per organizzare e categorizzare i dati sulla tua pagina web in modo che i motori di ricerca possano interpretarli in modo più preciso. 

Questo aiuta i motori di ricerca a fornire risultati di ricerca arricchiti con informazioni aggiuntive come snippet in evidenza, valutazioni, prezzi dei prodotti, orari di apertura, ricette culinarie e molto altro, direttamente nella pagina dei risultati di ricerca.

I dati strutturati seguono uno standard comune chiamato Schema.org (possiamo chiamarlo il vocabolario usato dai motori di ricerca), che è supportato da motori di ricerca come Google, Bing, Yahoo! e altri. 

Possiamo quindi dire che i dati strutturati nella SEO sono uno strumento potente per comunicare ai motori di ricerca in modo chiaro e strutturato i dettagli rilevanti dei contenuti del tuo sito, migliorando così la comprensione e la visibilità delle informazioni per gli utenti online.

Perché sono importanti i dati strutturati

importanza dei dati strutturati

Continuiamo a scoprire cosa sono e a cosa servono i dati strutturati, analizzando più a fondo quali sono le conseguenze di una buona comprensione del contenuto web da parte del motore di ricerca. 

Ecco i vantaggi che derivano da un buon uso dei dati strutturati: 

SEO

Scopri come possiamo aiutarti a ottenere più traffico sul tuo sito web o sul tuo negozio online.

  • Strategia SEO
  • Content Marketing
  • Ottimizzazione sito/e-commerce
  • Migliorano la comprensione dei contenuti: i motori di ricerca utilizzano algoritmi sofisticati per comprendere il significato dei contenuti delle pagine web, quindi i dati strutturati forniscono un’interpretazione chiara e strutturata di ciò che si trova sulla pagina, aiutando i motori di ricerca a capire meglio il contesto e la rilevanza dei contenuti;
  • Arricchiscono i risultati di ricerca: l’implementazione corretta dei dati strutturati può portare a risultati di ricerca più ricchi e informativi, possono per esempio generare snippet in evidenza, e questi snippet attirano l’attenzione degli utenti e possono aumentare il tasso di clic;
  • Migliorano l’esperienza utente: i dati strutturati possono rendere i contenuti più accessibili e comprensibili per gli utenti (ad esempio, i dati strutturati per eventi consentono agli utenti di trovare rapidamente informazioni sugli eventi e prenotare biglietti direttamente dalla pagina dei risultati di ricerca);
  • Aumentano la visibilità online: una migliore visibilità può portare a un aumento del traffico organico e, di conseguenza, delle opportunità di conversione;
  • Soddisfano le esigenze delle ricerche vocali e dei dispositivi intelligenti: con l’aumento dell’uso di assistenti vocali e dispositivi intelligenti, i dati strutturati diventano ancora più importanti perché forniscono informazioni strutturate e facilmente interpretabili che possono essere utilizzate per rispondere alle query vocali degli utenti.

Il loro utilizzo appropriato ha quindi un impatto significativo sul successo online del tuo sito.

Come inserire i dati strutturati sul sito

L’inserimento dei dati strutturati sul tuo sito web solitamente richiede l’intervento di un esperto. Tuttavia, alcune piattaforme per la creazione di siti prevedono delle aree nella dashboard che aiutano l’utente a compilare questi campi. 

Vediamo l’iter che dovresti seguire: 

  • Identifica i dati: prima di tutto, determina quali informazioni sul tuo sito desideri strutturare perché ciascuna ha un markup appropriato; 
  • Scegli il formato di markup: Schema.org supporta diversi formati di markup, tra cui JSON-LD (raccomandato da Google), Microdata e RDFa, JSON-LD è spesso la scelta preferita perché è più semplice da implementare e può essere inserito nel codice della pagina nel tag `<script>`;
  • Inserisci il markup nel codice sorgente: posiziona il markup strutturato direttamente nel codice sorgente HTML della pagina web corrispondente, assicurati di inserire il markup nel posto giusto, cioè vicino ai dati pertinenti che stai marcando;
  • Valida il markup strutturato: prima di pubblicare le modifiche, utilizza strumenti di verifica per accertare che il tuo markup sia corretto e senza errori, questo passo è cruciale per assicurarsi che i motori di ricerca possano interpretare correttamente i dati;
  • Monitora e aggiorna una volta pubblicato il markup: monitora periodicamente il suo funzionamento e assicurati che rimanga aggiornato se cambiano i dati o le informazioni sulla pagina;
  • Segui le linee guida del motore di ricerca: ogni motore di ricerca può avere linee guida specifiche per l’implementazione dei dati strutturati, cerca e leggi bene le linee guida di Google, Bing o del motore di ricerca che ti interessa; 
  • Testa e ottimizza: monitora il comportamento dei tuoi dati strutturati nei risultati di ricerca e apporta eventuali ottimizzazioni per migliorare la visibilità e l’esperienza dell’utente.

L’implementazione dei dati strutturati richiede un po’ di lavoro, ma noterai la differenza dopo.

Come aggiungere i dati strutturati sulle pagine

La differenza rispetto a prima è che, in questo caso, vai a lavorare solo sulla singola pagina web mentre il resto del sito non viene interessato. 

Il procedimento di ricerca è il medesimo appena descritto. Una volta trovato il markup, devi aggiungerlo direttamente ai template o ai file delle pagine interessate del tuo sito web. Assicurati di inserirlo nel posto giusto in base al tipo di dati che stai strutturando.

Ad esempio, se stai aggiungendo dati strutturati per un evento, inserisci il markup all’interno della sezione della pagina che descrive quell’evento.

Potrebbe capitarti di dover gestire più spesso, e in autonomia, l’inserimento di dati strutturati sulle pagine. Perché per tutto il sito, ad esempio, potrebbe averci lavorato a monte lo sviluppatore. 

Quindi come fare? Ovviamente, sono nate soluzioni per semplificare la vita degli utenti.

Per aggiungere dati strutturati sul sito, puoi utilizzare uno dei seguenti metodi:

  • Manualmente: è la strada che abbiamo appena visto e che interviene sul codice HTML della tua pagina, questo è il metodo più flessibile ma richiede competenze di codifica;
  • Utilizzando un generatore di markup: esistono diversi generatori di markup che possono aiutarti a creare il markup necessario per il tuo tipo di contenuto, questi generatori sono facili da usare e possono aiutarti in modo efficace; 
  • Utilizzando un plugin o un’estensione: esistono molti plugin per WordPress, Wix e altri CMS che possono aiutarti ad aggiungere dati strutturati alle tue pagine, sono più semplici sia da installare che da utilizzare. 

Dato che si tratta di un passaggio abbastanza delicato quanto importante, se non sei sicuro di quello che stai facendo è sempre meglio rivolgersi a un professionista

Come verificare i dati strutturati

Come dicevamo, è molto importante che i dati strutturati siano precisi e funzionanti. Ecco perché è molto essenziale verificare che siano corretti.

Per la verifica dei dati strutturati puoi utilizzare diverse metodologie e strumenti in base al tuo grado di esperienza: 

  • Strumenti di convalida online: Google stesso mette a disposizione il proprio tool di verifica dei dati strutturati, chiamato Schema Markup Testing Tool, in cui vieni guidato passo a passo nella procedura; 
  • Strumenti di analisi SEO: come Screaming Frog o SEMrush, possono analizzare il tuo sito web per i dati strutturati e segnalare eventuali problemi, anche se solitamente non forniscono una valutazione dettagliata del markup strutturato;
  • Console di sviluppo del browser: puoi utilizzare gli strumenti di sviluppo del tuo browser web per esaminare il markup strutturato all’interno del codice sorgente della pagina;
  • Audit SEO del sito: alcuni strumenti di audit SEO verificano la correttezza e la conformità del markup strutturato secondo le linee guida di Google;
  • Segnalazioni nei risultati di ricerca: esegui ricerche su Google per le pagine del tuo sito che dovrebbero visualizzare dati strutturati, controlla se i risultati di ricerca mostrano snippet in evidenza o altre informazioni strutturate come previsto. 

Una volta identificati e corretti eventuali errori nei dati strutturati, è importante monitorare periodicamente l’efficacia del markup e apportare aggiornamenti se necessario.

Errori da evitare

Adesso che abbiamo capito cosa sono e a cosa servono i dati strutturati, sappiamo anche quanto sia importante non commettere errori né nello sceglierli né tantomeno nell’inserirli all’interno del sito. 

Di seguito sono elencati alcuni errori comuni da evitare:

  • Markup inesatto o incompleto: omettere informazioni importanti o inserire dati sbagliati può confondere i motori di ricerca e danneggiare la tua visibilità nei risultati di ricerca;
  • Violazione delle linee guida: violare le linee guida del motore di ricerca può portare a sanzioni o alla perdita di posizioni nei risultati di ricerca;
  • Markup nascosto o irregolare: evita di nascondere dati strutturati ai visitatori del tuo sito o di inserirli in modo irregolare solo per migliorare la SEO, il markup deve essere pertinente e visibile agli utenti;
  • Over-ottimizzazione: l’eccessiva ottimizzazione dei dati strutturati, ad esempio con l’inserimento di valutazioni o recensioni fittizie, può essere considerata una pratica sleale e danneggiare la tua reputazione online;
  • Markup duplicato o incongruente: evita di utilizzare lo stesso markup per descrivere elementi diversi o di utilizzare markup incongruenti all’interno della stessa pagina;
  • Date obsolete o inesatte: se utilizzi dati strutturati per eventi, prodotti o altre informazioni con date specifiche, assicurati di mantenerle aggiornate;
  • Markup fuori contesto: assicurati che il markup sia rilevante e pertinente al contenuto della pagina;
  • Non testare il markup: la convalida aiuta a individuare e correggere errori prima che influiscano sulla tua SEO.

Evitando questi errori e seguendo le migliori pratiche, puoi sfruttare appieno i dati strutturati per migliorare la tua visibilità nei risultati di ricerca e offrire un’esperienza migliore agli utenti online.

Conclusione

Detto questo, l’uso intelligente dei dati strutturati nella SEO può fare la differenza nella visibilità e nella rilevanza del tuo sito web nei motori di ricerca. I dati strutturati non solo migliorano l’esperienza dell’utente, ma arricchiscono i risultati di ricerca con informazioni preziose e pertinenti.

Tuttavia, l’implementazione corretta dei dati strutturati richiede conoscenza, attenzione ai dettagli e conformità alle linee guida dei motori di ricerca. Se desideri sfruttare appieno il potenziale dei dati strutturati per il tuo sito web, ti consigliamo di rivolgerti a esperti nel campo della SEO e del markup strutturato.

Nextre Digital è un partner affidabile e competente nella pianificazione e nell’implementazione di strategie di SEO avanzate, compresa l’ottimizzazione delle pagine. Possiamo far sì che il tuo sito web sfrutti al massimo il potenziale dei dati strutturati per migliorare la tua visibilità online e attirare un pubblico più ampio.

Non esitare a contattarci per una consulenza personalizzata. Siamo qui per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi SEO e a posizionare il tuo sito web al di sopra della concorrenza. Investi nella potenza dei dati strutturati e guarda il tuo sito web crescere e prosperare nel mondo online.

Sono laureata in Scienze Psicosociali della Comunicazione e studio Comunicazione Digitale. Ho 25 anni e sono SEO Specialist Junior in Nextre Digital. Le mie più grandi passioni sono la scrittura e il mondo digitale, che mi hanno portata a fare un'esperienza di giornalismo online. Mi piace viaggiare, scoprire cose nuove e dare sfogo alla mia fantasia.
Richiedi informazioni

Il nostro blog

SEO

SEO Checkup: cos’è e perché richiederne uno

Quando si possiede un sito internet, un e-commerce o qualsiasi altra pagina in rete, è impossibile ambire al successo senza...
Leggi tutto
SEO

SEO: cos’è, significato e come funziona nel 2024 (con Infografica)

Negli ultimi decenni la forte digitalizzazione ha trasformato radicalmente il modo in cui le persone cercano informazioni, acquistano prodotti e...
Leggi tutto
SEO

Link Building: cos’è, esempi e come farla nel 2024

La link building è una delle strategie SEO più importanti, poiché grazie alla creazione di collegamenti tra siti differenti, genera...
Leggi tutto
SEO

Servizi SEO: cosa sono, quanto costano e perché usufruirne nel 2024

Il tuo sito non è posizionato come vorresti e sei lontano mille miglia dalla prima pagina di Google? Se non...
Leggi tutto
SEO

Traffico organico: cos’è e come aumentarlo

Ottenere traffico organico su un sito web, su un blog o verso un sito ecommerce è uno dei traguardi più...
Leggi tutto
SEO

Come indicizzare un sito: 10 metodi vincenti nel 2024

Indicizzare un sito su Google è un passaggio fondamentale se vuoi avere una presenza online forte e raggiungere il tuo...
Leggi tutto
SEO

SEO Copywriting: cos’è la scrittura SEO nel 2024

Posizionarsi tra i primi risultati dei motori di ricerca, aumentare il traffico organico, migliorare l’esperienza dell’utente e accrescere il numero...
Leggi tutto
SEO

Strategia SEO: come crearla, esempi, errori da evitare (2024)

Vuoi far crescere il tuo business online in modo esponenziale e raggiungere un pubblico sempre più vasto? La risposta alle...
Leggi tutto
SEO

Meta Business Suite: cos’è, a cosa serve e come si usa nel 2024

Vuoi lanciare un prodotto? Pubblicare un libro? O, più semplicemente, farti pubblicità? Nel 2024, lo strumento migliore per fare tutto...
Leggi tutto
SEO

Consulente SEO: chi è, cosa fa e come sceglierlo

Chiunque abbia un sito web o un e-commerce - e siamo sicuri che tu ne abbia uno  - presto o...
Leggi tutto
SEO

Posizionamento SEO: cos’è, come funziona, vantaggi [2024]

Desideri trasformare la tua attività in un punto di riferimento nel suo settore? Vuoi che il tuo sito web emerga...
Leggi tutto
SEO

SEO su Amazon nel 2024: guida per posizionare i prodotti

Molto probabilmente ti sarà già capitato di sentire parlare di SEO (Search Engine Optimizazion): un processo fondamentale per l'ottimizzazione e...
Leggi tutto
SEO

SEO Specialist: cosa fa, perché è importante, come sceglierne uno

Hai mai sentito parlare del SEO Specialist? Questa figura professionale svolge un ruolo fondamentale nell'ambito del marketing digitale. Il suo...
Leggi tutto
SEO

Google My Business: cos’è e perché è fondamentale nel 2024

Se hai un'attività da portare avanti, allora non puoi esimerti dall'usare Google My Business. Questo strumento, che Google ti mette...
Leggi tutto
SEO

SEO: 8 motivi per farla nel 2024

Uno tra i pochi elementi costanti nell’era digitale che stiamo vivendo è la dinamica mutevole dei motori di ricerca e...
Leggi tutto
SEO

SEO On Page: cos’è e come può far crescere il tuo sito

La SEO on Page, chiamata anche “SEO on Site”, consiste nell'ottimizzazione delle pagine del tuo sito web al fine di...
Leggi tutto
SEO

Local SEO: cos’è e guida definitiva 2024

La local SEO è fondamentale per le attività come ristoranti, centri estetici e non solo, perché ti permette di comparire...
Leggi tutto
SEO

Analisi SEO: cos’è e perché farla

Se hai aperto un sito web, magari per sponsorizzare la tua attività, sappi che il suo successo (o insuccesso) è...
Leggi tutto
SEO

Search Intent: cos’è e perché è importante

Quando le persone utilizzano un motore di ricerca, hanno in mente un obiettivo specifico: trovare risposte ai loro problemi, informazioni...
Leggi tutto
SEO

Dati strutturati nella SEO: cosa sono e perché usarli

Quando scrivi un contenuto sul web pensi di scriverlo solamente per i lettori? Ebbene, lo stai scrivendo anche per i...
Leggi tutto

Richiedi informazioni

Apri chat
1
Nextre Digital
Ciao 👋
Come posso aiutarti?