Quanto costa fare pubblicità su Facebook nel 2021 - Nextre Digital

Quanto costa fare pubblicità su Facebook nel 2021

Se hai un’azienda o sei un libero professionista, ti sarai accorto che, per raggiungere più persone è necessario promuovere la propria attività online.

Per sapere qual è il costo della pubblicità su Facebook, leggi il nostro articolo. Ti spiegheremo come si stabilisce il prezzo di una campagna e quali sono i fattori che incidono sulla spesa per le tue Ads.

Da parecchio tempo, chi non ha un profilo sui social o un sito Internet ha molta difficoltà a farsi conoscere e ad ampliare il numero dei propri clienti.

La pubblicità su Facebook, è una delle strategie preferite dalle aziende di tutto il mondo. Infatti sono circa 7 milioni quelle che fanno promozione sui social.

Facebook ha 2,60 milioni di utenti attivi ogni mese, quasi un terzo della popolazione mondiale. Questo significa che per raggiungere i tuoi clienti è importante che tu abbia una strategia di marketing digitale e ti promuova online. 

Quanto costa fare Pubblicità su Facebook?

Stabilire una cifra a priori è impossibile. Prima di dare un numero specifico è necessario sapere cosa vuoi proporre, a chi, e soprattutto come.

Il CPC (Costo per Click) può variare moltissimo in base al target, alla concorrenza, al settore o alla strategia di offerta che decidi di attuare.

Forse non che, per stabilire il costo di un annuncio, Facebook si basa su un vero e proprio sistema di aste, sul quale incidono anche la stagionalità e la posizione dei tuoi annunci.

Per avviare una campagna di successo e non sprecare il proprio budget, quindi, è necessario conoscere gli strumenti di pubblicazione e i tool per la gestione delle inserzioni, oltre al sistema con il quale Facebook determina il costo degli annunci.

Anche la precisione nella scelta del target, la qualità e la pertinenza del contenuto influiscono molto sui costi.

Come Facebook determina i costi pubblicitari

costo pubblicità su Facebook
esempio di costi delle pubblicità su Facebook.

Per determinare i costi della pubblicità su Facebook è necessario valutare alcuni fattori:

  • offerta: com’è composto il tuo target e quante persone ne fanno parte;
  • domanda: quanta concorrenza c’è per il pubblico che hai scelto;
  • budget: il denaro che intendi investire;
  • qualità e pertinenza: delle inserzioni rispetto al target definito.

Queste sono le variabili principali da considerare. Tuttavia, i costi delle inserzioni sono influenzati anche dalla stagionalità e dal settore.

Quali sono i periodi dell’anno in cui le persone effettuano più acquisti?

In genere a Natale o durante i saldi di stagione. In quei momenti la concorrenza aumenta e di conseguenza anche il costo delle inserzioni su Facebook.

Per quanto riguarda il settore, devi sapere che anch’esso influenza in maniera importante sul costo degli annunci.

Vediamo nel dettaglio tutti gli elementi che incidono sul costo di una inserzione su Facebook, in modo  che tu possa valutare quanto budget investire per promuovere la tua attività con successo.

Pubblico

Il tuo pubblico di destinazione è uno degli elementi che incide maggiormente sul prezzo dei tuoi annunci Facebook. Il social infatti varia il costo delle inserzioni a seconda che tu stia profilando il tuo target in base all’età, al sesso o ad interesse specifici.

In genere, un target più ristretto e meglio profilato ha un costo maggiore rispetto ad un pubblico più ampio e generico.

Questo perché, selezionando attributi di alto valore, puoi raggiungere un mercato specifico e, potenzialmente, più interessato ai tuoi annunci.

Al contrario, profilando il pubblico in base ad interessi più generici, il numero degli utenti raggiunti si amplia ma si abbassa il CTR (il tasso di efficacia della tua campagna). 

Perché?

Un pubblico più ampio include utenti di scarso valore che difficilmente risponderanno alla tua call to action. La conseguenza di questa scelta, quindi, sarà una campagna di basso valore.

Per non sprecare il tuo budget su un pubblico che non cliccherà mai sul tuo invito all’azione, concentra la tua campagna su un pubblico ben profilato.

Budget pubblicitario

Prima di stabilire l’importo da spendere in pubblicità, è importante che tu sappia che il budget influisce sul rendimento della campagna. Un budget pubblicitario basso, infatti, riesce a convertire meno rispetto a una spesa più elevata, proprio per i suoi limiti di rendimento.

Facebook, infatti, mostra i tuoi annunci a seconda del budget che imposti. Questo significa che, spendendo poco, i tuoi annunci verranno mostrati ad un pubblico limitato. L’effetto che otterrai, quindi, sarà un basso numero di impressioni e clic sugli annunci.

Molti esperti di Facebook Ads consigliano di investire un budget di almeno 5$ (circa 1,20 euro) al giorno per ottenere risultati interessanti. Con una cifra così alta, però, in pochi giorni rischi di spendere molto senza ottenere risultati sul lungo periodo.

In realtà, anche un budget più piccolo può dare buoni risultati. L’importante è capire come gestisca le campagne Facebook a livello economico.

Per cui, quando imposti un budget per creare una campagna, ti conviene sempre valutare se la tua offerta è competitiva o meno.

Offerta pubblicitaria

Il costo della pubblicità su Facebook varia anche a seconda del tipo di strategia che intendi impostare. Quando crei una campagna o un annuncio sponsorizzato, Facebook ti offre due opzioni per gestire il tuo budget:

  • Strategia di offerta a basso costo: questa opzione è la più conveniente in termini di costi benefici. Si tratta della gestione automatica della campagna, in cui è proprio il social ad allocare le tue risorse. È la preferita dalle aziende poiché permette di ottenere un maggior numero di risposte al costo più basso.
  • Strategia di offerta basata sul costo target: nota anche come gestione manuale della campagna, questa strategia è la preferita di chi ha molta esperienza nella gestione delle ads.

Il suo scopo è di arrivare al costo stabilito per ogni clic o cta. È una strategia molto indicata per ottenere un maggior numero di conversioni, per promuovere l’installazione di un’app, per la generazione di lead o la distribuzione di ebook gratuiti.

Considera che, impostando un budget elevato, aumenta il valore totale del tuo annuncio. Ma la procedura migliore è impostare prima un annuncio che sia pertinente e di alta qualità e poi impostare il tipo di investimento.

Per lavorare meglio su questi aspetti, tuttavia, è necessario conoscere il funzionamento dell’asta dell’annuncio su Facebook.

Come funziona l’asta dell’annuncio su Facebook

Sai come funzionano le aste?

Qualcuno mette all’asta un bene e delle persone fanno un’offerta per averlo. Il vincitore è la persona disposta a spendere una cifra più alta.

Questo accade anche su Facebook, dove all’asta non c’è un prodotto ma lo spazio pubblicitario.

Il prezzo delle campagne, quindi, non è fisso ma viene influenzato da domanda e offerta.

Quando si imposta una sponsorizzazione, l’algoritmo di Facebook valuta con attenzione tre aspetti dell’annuncio:

  • Offerta: l’offerta si riferisce al budget che sei disposto ad investire per raggiungere il tuo target e invitarlo ad interagire con il tuo annuncio. Questa è una variabile molto importante agli occhi dell’algoritmo.
  • Tassi di azione stimati: i tassi di azione stimati valutano quante sono le possibilità che il tuo target interagisca con il tuo annuncio. Più alto è il tasso di azione stimato, maggiori sono le possibilità che il tuo pubblico riceva un messaggio ben profilato.
  • Qualità e pertinenza dell’annuncio: questi fattori vengono determinati da come gli utenti interagiscono con il tuo annuncio (le interazioni possono essere sia negative che positive).

Se l’annuncio riceve un punteggio alto ha più probabilità di successo nelle aste.

Per vincere l’asta, il tuo annuncio deve ottenere un punteggio più alto rispetto a quello della concorrenza. Se riesci ad aggiudicarti l’asta, la tua campagna verrà mostrata al tuo pubblico di destinazione.

Obiettivo dell’annuncio

Nelle impostazioni della tua campagna, Facebook ti dà la possibilità di scegliere tra tre macro obiettivi, all’interno dei quali inserisce obiettivi più specifici:

  • awareness (consapevolezza): consapevolezza del marchio, numero di persone raggiunte;
  • consideration (considerazione): traffico, installazioni di app, coinvolgimento, visualizzazioni video, lead generation, messaggi, vendita su catalogo prodotti;
  • conversion (conversioni): visite in negozio, conversioni.

La visita del negozio così come l’acquisto di un prodotto determinano un ritorno immediato per le aziende, quindi richiedono un budget più elevato.

Gli altri obiettivi, come la consapevolezza e la considerazione, invece, sono funzionali al raggiungimento di risultati a lungo termine. Questi obiettivi, in genere, vengono selezionati nelle prime fasi della canalizzazione di acquisto, per attirare gli utenti e far crescere la notorietà del marchio.

La loro funzione è quella di portare più avanti i potenziali clienti nel funnel di vendita. I costi pubblicitari, in questo caso, sono più bassi poiché la conversione avviene in un momento successivo.

Posizionamento degli annunci

Il posizionamento è un elemento determinante per il successo dei tuoi annunci. Per questo motivo i costi variano anche a seconda del punto in cui intendi pubblicarli.

Facebook è proprietario anche di Instagram e questo consente di pubblicare su entrambi i social in modo semplice e diretto tramite il pannello di gestione delle inserzioni.

I tuoi annunci quindi possono essere mostrati in diversi punti:

  • Instagram;
  • Storie di Instagram;
  • Feed di notizie sul desktop di Facebook;
  • Colonna di destra di Facebook;
  • Facebook Messenger;
  • Audience Network.

Questo rende la gestione e ottimizzazione delle campagne più facile e vantaggiosa.

Nella scelta della posizione, tieni presente che il CPC (costo per clic) per gli annunci pubblicitari su Instagram è più alto di quello di Facebook, sia per quanto riguarda il feed che le stories.

L’Audience network consente agli inserzionisti di pubblicare le proprie campagne anche fuori da Facebook, in modo da raggiungere gli utenti anche sulle app o sui siti internet che visitano. In questo caso il CPC è ancora più basso rispetto a Facebook e Instagram.

Come per il budget, Facebook ti permette anche di selezionare l’opzione “posizionamenti automatici”. In questo caso sarà il sistema di distribuzione della piattaforma a posizionare gli annunci in modo che diano i risultati migliori.

Qualità degli annunci

Altri due parametri che Facebook considera per determinare il costo di un annuncio sono qualità e pertinenza. Il social, infatti, assegna un punteggio considerando la pertinenza e il coinvolgimento, in base ai quali puoi migliorare i tuoi risultati.

Un annuncio con un punteggio più alto ha un costo più basso mentre le ads meno pertinenti e con un punteggio inferiore, hanno un costo più elevato.

Per monitorare il punteggio dei tuoi annunci, basta andare sul pannello di Gestione annuncio e seguire queste indicazioni:

  • seleziona l’annuncio che vuoi visualizzare;
  • clicca sul menu a discesa Colonne;
  • fai clic su personalizza colonne;
  • vai su Punteggio pertinenza e premi Applica;
  • visualizza la rilevanza e il punteggio di coinvolgimento.

Essendo un parametro da monitorare in base alle visualizzazioni, per valutare la qualità degli annunci su Facebook, tienilo d’occhio solo dopo aver raggiunto almeno 500 impression.

La scala di valutazione va da 1 a 10, dove 10 rappresenta il punteggio massimo.

Stagione

Probabilmente questa variabile ti stupirà, ma anche la stagionalità influisce sui costi delle tue campagne su Facebook.

In alcuni periodi dell’anno, le aziende tendono a spendere di più in pubblicità. Questo accade per sfruttare quelle giornate in cui le persono sono più portate ad effettuare i loro acquisti:

  • i saldi;
  • il giorno del Ringraziamento;
  • il Black Friday;
  • il Cyber ​​Monday;
  • Natale;
  • Santo Stefano;
  • la Vigilia di Capodanno;
  • Capodanno.

In queste date, gli annunci pubblicitari hanno un costo più elevato. Difatti, nei momenti di punta, si riscontra un aumento della domanda di spazi pubblicitari e una maggiore concorrenza per l’acquisto degli spazi pubblicitari.

Le aziende, difatti, per ottenere risultati, in questi giorni sono disposte ad aumentare il proprio budget per fare campagne più aggressive.

Quando aumenta la domanda dei consumatori è consigliabile rivedere la propria strategia pubblicitaria, spendendo cifre più alte per la pubblicità e creando annunci più performanti.

Settore

Un ultimo aspetto che influenza in maniera diretta il costo di un’inserzione è il settore in cui opera la tua azienda.

Il costo medio di un annuncio su Facebook è di $ 0,97 ma questo dato varia notevolmente a seconda che si tratti di assicurazioni (che è di circa $ 3,77) o di viaggi e ospitalità (con un CPC di $ 0,63).

Quindi, per capire qual è il costo della pubblicità su Facebook è necessario che tu consideri il tuo settore di appartenenza.

Anche nei settori in cui la concorrenza è più alta, non dovresti abbandonare l’idea di farti pubblicità. Infatti, se i tuoi concorrenti continuano a fare pubblicità, vuol dire che hanno un ritorno in termini di consapevolezza del marchio, generazione di lead, numero di conversioni.

Cosa determina il prezzo finale della tua inserzione

costo pubblicità su Facebook

Abbiamo visto che il costo di una inserzione si basa su una serie di fattori: pubblico, budget, strategia di offerta, obiettivo dell’annuncio, posizionamento degli annunci, qualità degli annunci, stagionalità e settore.

Ognuno di essi incide sulla spesa finale, tuttavia un’altra variabile fondamentale è il tempo. Infatti puoi decidere quanto vuoi che la tua inserzione sia attiva a seconda degli obiettivi che intendi raggiungere.

Ma il prezzo di un’inserzione non riguarda solo i costi strettamente legati alla campagna pubblicitaria. Il denaro investito in pubblicità, infatti, non ti garantisce di ottenere il successo o raggiungere l’obiettivo che ti eri prefissato.

Avere risultati reali dipende anche da come gestisci la tua pagina Facebook aziendale e come interagisci con la community dei tuoi potenziali clienti.

Hai una strategia di marketing digitale?

Le campagne di advertising, infatti, portano risultati se inserite in una strategia di marketing online ben definita.

Ai costi vivi, legati all’inserzione vera e propria, quindi, dovrai aggiungere altre spese. Ad esempio è necessario valutare se paghi qualcuno per gestire i tuoi social. Oppure , se li gestisci in modo autonomo, è fondamentale che tu includa le spese per la formazione, il tempo che impieghi e l’energia necessaria per seguirli in modo costante.

Quanto investire nella tua campagna pubblicitaria su Facebook

Per capire quale sia il budget da investire per le tue campagne su Facebook, devi valutare quale obiettivo intendi raggiungere, sia in termini generali che numerici e in quanto tempo vuoi ottenere questi risultati.

Le tempistiche sono strettamente collegate al budget che hai a disposizione o, in alternativa, alle scadenze che ti sei fissato.

Con un budget ristretto, il tempo necessario al raggiungimento dei tuoi obiettivi sarà più lungo.

Al contrario, se vuoi ottenere maggiori risultati in tempi brevi, aumenteranno le risorse da destinare alla pubblicità su Facebook. In genere, conviene iniziare da cifre contenute per testare le ads e il tuo target, in modo che non si saturi troppo in fretta.

L’investimento, in genere, va stabilito in base alle dimensioni e al tipo di azienda e all’ampiezza del target potenziale.

In caso di piccoli imprenditori e liberi professionisti si può partire da un investimento minimo di 100-150 euro al mese per arrivare anche a circa 500 euro al mese.

Per quanto riguarda le aziende più grandi, si può anche stabilire un budget a partire dai 1.000 euro in su.

Con un investimento basso, bisogna essere pazienti, poiché per ottenere i primi risultati bisogna attendere dai 3 ai 6 mesi.

Con un investimento superiore, già dal primo mese è possibile vedere i primi risultati.

Come cambia la pubblicità di Instagram rispetto a Facebook

costo pubblicità su Facebook

Se hai imparato a fare pubblicità su Facebook, per te sarà molto semplice anche gestire delle campagne su Instagram. I due social, entrambi di proprietà di Mark Zuckerberg, infatti, utilizzano gli stessi strumenti pubblicitari e possono essere gestiti direttamente dal pannello Gestione Inserzioni di Facebook.

Questo significa che sia su Instagram, acquistato da Facebook nel 2012, che su Facebook è possibile configurare, pubblicare e monitorare la pubblicità nello stesso modo.

Inoltre, è possibile pubblicare le proprie inserzioni su Instagram senza la necessità di creare un account. Infatti basta possedere un account Facebook associato perché la pubblicità venga pubblicata su entrambi i social.

La differenza tra i due social è che su Instagram bisogna utilizzare immagini con un formato specifico, diverso da quello richiesto da Facebook.

Le inserzioni su Instagram si possono gestire, acquistare, pubblicare e monitorare anche dall’applicazione stessa o con l’aiuto degli Instagram Partner.

Nel primo caso è sufficiente scegliere un post da promuovere tra quelli pubblicati e avviare la promozione.

Mentre nel secondo caso puoi rivolgerti a degli Instagram Partner, degli esperti autorevoli scelti da Instagram, che possono seguirti i in ogni fase della campagna, dall’acquisto delle inserzioni alla pubblicazione degli annunci sponsorizzati.

Quali formati puoi scegliere

Su Instagram puoi scegliere diversi formati pubblicitari, tra cui:

  • Inserzioni nelle Instagram Stories (le storie di Instagram sono uno dei formati preferiti dagli utenti. Stando alle stime del 2019, sono più di 500 milioni di account quelli che pubblicano e visualizzano le Storie quotidianamente);
  • Inserzioni con Foto (in formato quadrato o orizzontale);
  • Inserzioni Video (in formato quadrato o orizzontale, della durata massima di 60 secondi);
  • Inserzioni Carosello (in queste inserzioni è possibile scorrere tra diverse foto o video);
  • Inserzioni con Raccolta (questo formato è molto utile per sponsorizzare diversi tipi di prodotti poiché combina video e/o immagini).

Come individuare il target giusto su Instagram

Dopo che avrai definito gli obiettivi della tua campagna su Instagram, dovrai scegliere il tuo target. Le possibilità che Instagram ti mette a disposizione per definire il tuo pubblico sono:

  • posizione;
  • dati demografici;
  • interessi, comportamenti degli utenti;
  • pubblico personalizzato (scegliendo questa opzione, puoi mostrare la tua inserzione ad un pubblico che già conosci e con il quale hai interagito in precedenza, in base ai numeri di telefono o agli indirizzi e-mail);
  • pubblico simile ai clienti già esistenti (lookalike audience);
  • targetizzazione automatica (come su Facebook, anche Instagram ti aiuta a definire un pubblico di utenti potenzialmente interessati ai tuoi prodotti).

Come scegliere il giusto obiettivo

Instagram Business permette gli inserzionisti di scegliere tra tre diversi macro obiettivi:

  • Notorietà: è consigliato a chi vuole aumentare la notorietà del proprio brand, far conoscere il prodotto che vende, mostrare l’app o il servizio offerti;
  • Considerazione: questo obiettivo è molto indicato per dare ai clienti informazioni più approfondite sui propri prodotti o servizi;
  • Conversione: impostare questo obiettivo serve per aumentare le vendite dei propri prodotti, invitare gli utenti a scaricare la propria app o portare un maggior numero di visitatori sullo shop aziendale.

I vantaggi di affidarti ad una web agency per fare pubblicità su Facebook

Come hai visto, gestire la pubblicità su Facebook richiede una profonda conoscenza del social. Saper pubblicare qualche post su un profilo o su una pagina aziendale non basta per fare un lavoro professionale e ottenere risultati concreti.

Gestire la pubblicità su Facebook richiede una conoscenza approfondita degli strumenti e delle variabili da impostare.

In questi casi, quindi, il fai-da-te diventa un modo per sprecare soldi e non raggiungere il tuo scopo.

Perché dovresti rivolgerti ad una web agency?

Una Web Agency come Nextre Digital è un’agenzia composta da professionisti specializzati nel web marketing. Ogni figura che lavora all’interno della nostra struttura ha un ruolo differente, necessario per la crescita del tuo brand.

Per creare una strategia di marketing efficace, infatti, non è sufficiente smanettare con il computer o avere una conoscenza base dei social. Per emergere sul web è necessario avere competenze reali, basate sullo studio e l’esperienza.

Il facebook Business Manager può essere uno strumento complesso da utilizzare. Impostare le tue campagne da solo può farti sprecare budget senza ottenere il risultato sperato.

Chiedere aiuto ad una web agency vuol dire creare campagne strategiche, avere un calendario editoriale per la gestione dei contenuti in maniera regolare e mirata, definire un target preciso e ben profilato. Questi elementi ti permetteranno di avviare pubblicità performanti in termini di risultati e di investire il tuo budget nel migliore dei modi.

Ricorda che, collaborare con un’agenzia pubblicitaria come la nostra ti garantisce risultati ottimali e il budget speso sarà un vero investimento.

Sara Carnovale

Curiosa, appassionata e sognatrice, faccio capolino nella vita delle persone per capire quanto da raccontare ci sia in ognuna di loro. Amo le parole e le infinite possibilità che danno. Scrivo da sempre e osservo con attenzione tutto e tutti. Con la mia laurea in Scienze della Comunicazione nascosta nel cassetto, cerco di non farmi sfuggire le evoluzioni del web marketing, sicura di poter trarre ispirazione da qualunque cosa.